17 Cortometraggi allo Sciacca Film Fest


E’ entrata ieri sera nel vivo con la programmazione dei film in concorso la nona edizione dello Sciacca Film Fest in corso di svolgimento presso il complesso della Badia Grande di Sciacca.

sciacca-film-fest-arena

Sono 17 i cortometraggi, 14 i documentari e 5 lungometraggi partecipanti alla competizione cinematografica che saranno giudicati da due giurie: una per i lungometraggi e i documentari composta dai registi Gianfranco Pannone, Francesco Calogero ed Elisa Rosi, esercente Cicae di Berlino, l’altra per i corti dai registi, Luca Vullo, Giovanni Volpe e la produttrice Mia Arfuso.

Questa sera oltre la proiezione delle altre opere in concorso, prenderà il via anche la sezione di film in lingua originale “Le regard innocent”, sono 15 i film in tutto che sono stati selezionati da Sabah Benziadi che cura la sezione del festival che vuole essere una finestra aperta su paesi che in occidente si è soliti osservare sotto le lenti di determinati “cliché” spesso lontani dalla realtà. In occasione dell’inizio della rassegna, sarà ospite d’onore della serata l’attrice proveniente dal Bahrein, Fay Alshakawi, molto conosciuta e apprezzata nel suo paese per bellezza e bravura. Altro ospite della serata, sarà il regista Roberto Andò che per la sezione “Incontro con l’autore” presenterà il film “Le confessioni”.

In programmazione per la sezione “Spazio Arena- The italians” alle 22,40 il film “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti, mentre per la sezione “Cinema Invisibile”, la pellicola “The Neon Demon” alle ore 21,30 presso la sala dei palchi.

Per gli appassionati di musica, anche tanto intrattenimento con la rassegna “Sciacca Classic Fest” che staserà alle 21 presso il Cortile Orquidea proporrà il concerto di Irene Veneziano al pianoforte con musiche di Chopin, Listz, Debussy, Ravel.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.