22 enne agli arresti domiciliari, aggredisce familiari e carabinieri, la procura di Sciacca ordina l’arresto in carcere


La Procura della Repubblica di Sciacca ha deciso di revocare gli arresti domiciliari e tramutarli in detenzione nel carcere di Sciacca, a Antonino Musacchia, 22enne di Partanna.

carabinieri-arresto-manette

È successo a Partanna. Intorno all’una di notte, nell’ambito di controlli disposti dalla compagnia di Castelvetrano, i Carabinieri dalla Stazione di Partanna, hanno sorpreso Musacchia, mentre tentava di intrufolarsi nella cantina sociale “La Saturnia” di contrada Camarro per rubare. Il giovane è stato fermato e perquisito ed è stato trovato in possesso di arnesi atti allo scasso che gli sono stati sequestrati.

Sorpreso a rubare in flagranza di reato nella cantina sociale,  l’autorità giudiziaria aveva concesso al giovane gli arresti domiciliari. Giunto però presso la propria abitazione, Antonino Musacchia, ha iniziato a opporre resistenza, ad insultare i proprio familiari, a distruggere le suppellettili della casa e ha iniziato a minacciare anche i carabinieri, che l’anno bloccato.

La Procura della Repubblica di Sciacca, in relazione alla violenza e alle minacce profuse, ha deciso di revocargli gli arresti domiciliari. Così con la doppia accusa di tentato furto, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale Antonino Musacchia, è stato arrestato e condotto nel carcere di Sciacca.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti