Crea sito

Sequestrata Villa con piscina a “nullatenente” trafficante di droga

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Khemais Lausgi risultava essere disoccupato e nullatenente, ma conduceva uno stile di vita lussuoso, cosa che ha insospettito la Guardia di Finanza a Palermo.

villa-sequestrataLe indagini scattate sull’uomo, sono state coordinate dal Procuratore Aggiunto Maria Teresa Principato e condotte dal G.I.C.O. nel quartiere palermitano “ZEN 2”, ed hanno consentito di scoprire come il Lausgi poteva permettersi un simile stile di vita da disoccupato.

la Guardia di Finanza a Palermo, ha così ricostruito l’attività di traffico e spaccio di cocaina che era alla base del tenore di vita del 28enne palemitano. L’uomo era a capo di un gruppo criminale, composto da 14 persone che in base all’accusa, è risultato essere responsabile della gestione dei “pusher” operanti in una delle principali “piazze” di spaccio del rione.

Inoltre il Lausgi, riciclava i proventi del traffico di droga per oltre 200 mila euro, attraverso investimenti nel settore immobiliare e nella gestione di una palestra pugilistica e di un wine bar a Palermo, ora non più in esercizio.

All’uomo quindi, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Palermo, beni per oltre mezzo milione di euro acquistati, secondo l’accusa, grazie ai proventi della droga. Nello specifico si tratta di due appartamenti e una villa a Carini, nonché 5 veicoli, per un valore complessivo di circa 600 mila euro. Sono state inoltre eseguite perquisizioni a Palermo, Carini, Lodi, Melegnano e Mazara del Vallo.

Khemais Lausgi aveva intestato i beni in questione a suoi fedeli prestanome, che sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria, ma le precauzioni non sono servite. Tra le abitazioni sottoposte a sequestro figura una villa a Carini con piscina ed un sofisticato impianto di videosorveglianza.

La villa, dopo l’acquisto è stata lussuosamente ristrutturata sempre con i proventi dello spaccio.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •