Agrigento nell’ottocento secondo incontro domani


Domani Giovedì 27 ottobre, alle ore 17.30,  ad Agrigento al Viale della Vittoria n.315, nella sede dei Volontari di strada si terrà il secondo incontro sulla storia di Agrigento nell’Ottocento organizzato dall’associazione Epea  (Ente per l’educazione degli adulti).

agrigento-torri-chiaramontane

Elio Di Bella  racconterà com’era Girgenti nel trentennio 1820-1850, quando ancora la città  era ancora  circondata dalle medievali mura e dalle torri Chiaramontane e  un intero popolo si sollevava coraggiosamente  per ben due volte per liberarsi dal regime borbonico e ottenere l’indipendenza della Sicilia.    Due moti rivoluzionari scoppiarono infatti a Girgenti contro il regime borbonico nel 1820 e nel 1848;  nacquero società segrete, ma anche circoli letterari, scientifici, economici, compreso il circolo empedocleo;  illustri visitatori arrivavano nella valle dei templi accompagnati da un intellettuale  eccezionale,  Raffaello Politi, che in quegli anni pubblicò la prima guida turistica su Agrigento.

Le epidemie di colera e di tifo decimarono più volte la popolazione, ma si moriva anche nelle miniere e nelle povere case del Rabato per povertà e malattia. La criminalità imperversava nella città e nei paesi e ben poco si riusciva a fare per fermare banditi e briganti. Agrigentini  illustri, come lo scienziato Michele Foderà si facevano onore a Parigi e il nonno materno di Pirandello, Giovanni Ricci Granitto,  moriva esule a Malta dove andò con altri oppositori  per avere combattuto contro i borboni. La commissione delle belle arti della sicilia organizzava campagne di scavi nella valle dei templi e ricostruiva un angolo del tempio dei Dioscuri e il Gigante del tempio di Giove.

Di questo e di tanto altro si parlerà attraverso decine di  diapositive e video curati da Elio Di Bella.

Nel corso dell’incontro si potrà diventare  simpatizzante dell’associazione Epea e così ritirare uno dei libri di Elio Di Bella gratuitamente. E’ previsto anche un piccolo rinfresco.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.