Agrigento. Opposizione chiede azzeramento Ufficio di Presidenza


I Consiglieri comunali d’opposizione al civico consesso di Agrigento, in una lunga ed infuocata nota stampa, chiedono l’azzeramento dell’Ufficio di Presidenza.

comune-di-agrigento

“Siamo costernati e dispiaciuti nel vedere che è divenuta consuetudine il lasciare senza risposte le varie richieste fatte dai consiglieri, ancor più se consiglieri di opposizione. L’arma più usata sembra proprio il silenzio come se il malessere accusato dai consiglieri, soggetti rappresentanti del volere popolare e legittimati dalle ultime elezioni, non toccasse l’interesse delle stanze alte di questo Comune. Ancor di più ci dispiace se è proprio l’Ufficio di Presidenza, organo di garanzia del Consiglio tutto, ad ignorare le preoccupazioni espresse.

Ulteriore colpo di coda – continuano a scrivere nella nota i Consiglieri d’opposizione – quello degli ormai sempre più numerosi consiglieri di opposizione al comune di Agrigento che sollevano, a voce ancor più forte, il caso politico chiedendo nuovamente l’azzeramento dell’Ufficio di Presidenza dal quale non si sentono garantiti. I consiglieri Nuccia Palermo, Salvatore Borsellino (Sicilia Futura), Giovanni Civiltà, Giorgia Iacolino e William Giacalone (Forza Italia), Marcella Carlisi e Rita Monella (Movimento 5 stelle), (indipendenti) Pasquale Spataro, Gerlando Gibilaro e Nello Hamel tornano a batter il pugno sulla negazione ormai palese di aver un membro di minoranza all’interno della Presidenza del Consiglio.

Asso piglia tutto sembra essere il gioco preferito dell’attuale classe politica che però, con tale atteggiamento, rischia di creare sempre di più una situazione di stallo e di mancanza di dialogo tra opposizione e maggioranza dove a farne le spese è il cittadino.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.