Anche a Triscina arrivano le ruspe: Ok del Comune alla demolizione di due immobili


Dopo Licata, anche a Triscina, nota località balneare di Castelvetrano, arrivano le ruspe per le case abusive costruite a meno di 150 metri dalla battigia.

spiaggia-triscina

La giunta comunale infatti, ha approvato una delibera che autorizza la demolizione di due immobili ricadenti nella fascia dei 150 metri dalla battigia, quindi non sanabili, realizzati sulla spiaggia di Triscina e che risultano prive delle necessarie autorizzazioni di legge.

Gli immobili che erano già stati sottratti ai proprietari e acquisiti al patrimonio del Comune, sono ubicati lungo la statale 135 e 151.

Oltre alle due costruzioni in oggetto, l’ufficio tecnico comunale, nel corso di un monitoraggio svolto nel 2013, ha individuato altri 14 immobili che hanno le stesse caratteristiche e che quindi subiranno la stessa sorte. Tutti gli edifici individuati, sono costituiti dalla sola struttura portante.

Le spese per le due demolizioni, saranno inizialmente approntate dal Comune, ma la giunta ha già prenotato nel redigendo bilancio di previsione la somma di 27.700 euro, pari all’importo necessario alle demolizioni. La somma poi, sarà recuperata dalle casse comunali utilizzando la legge (art. 31, comma 5, del D.P.R. 06/06/2001, n. 380) che prevede che l’opera venga demolita a spese dei responsabili dell’abuso.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti