ATI Agrigento. La Rocca Ruvolo: “l’unica forma per gestione del servizio idrico sia quello del consorzio”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

“In qualità di rappresentante legale del comune di Montevago ritengo che l’unica forma giuridica per la gestione del servizio idrico nel nostro territorio sia quello dell’azienda speciale consortile”

Questo il messaggio forte che il sindaco di Montevago Margherita La Rocca Ruvolo, manda – senza mai citarla – al presidente dell’ATI idrico Francesca Valenti.

“Dopo la scelta fortemente negativa di una gestione privata, quale è stata quella della società per azioni Girgenti Acque, nella scelta del nuovo modello di gestione è necessario – aggiunge L’On La Rocca Ruvolo – garantire ai cittadini un servizio pubblico che si caratterizzi per trasparenza, correttezza amministrativa ed efficienza allontanando definitivamente quei dubbi di mala gestione che in questi anni hanno prevalso nell’opinione di molti”.

“I Comuni – conclude il sindaco di Montevago – devono essere gli attori principali nella gestione di un servizio indispensabile per la collettività e non spettatori come abbiamo avuto modo di vedere, purtroppo, in questi anni. La possibilità di approvare gli atti fondamentali, di modificarli qualora se ne ravvisi la necessità per meglio garantire diritti al cittadino, il potere di determinare le finalità, gli indirizzi e gli obiettivi, verificare i risultati della gestione, esercitare un controllo su come vengono spesi i soldi, su come viene assunto il personale, si può avere solamente con la gestione pubblica del servizio”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Sciacca. Cinzia Deliberto: "Ferragosto? Manifesto del fallimento di questa Amministrazione" Successivo Open Arms. Il medico smentisce l'ong: per i 13 migranti fatti sbarcare "Nessuna emergenza, stavano bene"