Una avvenente ventenne, prima ammalia un negoziante, poi lo narcotizza e lo rapina


Solo Quentin Tarantino avrebbe saputo scrivere una scena da film come quella che si è verificata ieri in un’armeria di Caltanissetta.

armeria-polizia

È successo ieri pomeriggio in via Xiboli a Caltanissetta . Una ragazza ventenne, bella ed avvenente, è entrata nell’armeria “Il tempio della Caccia”, qui, con fare suadente e “disponibile” ha cominciato a parlare con il titolare conquistandone la fiducia.

La donna, ha  dapprima chiesto informazioni sul mondo delle armi, poi tra un sorriso e un discorso, pare gli abbia offerto qualcosa da bere, nel quale, con molta probabilità, ha aggiunto qualche sostanza narcotizzante.

L’uomo, per nulla insospettito da tanta “disponibilità” ha accettato per gentilezza il drink offerto, ma poco dopo ha perso i sensi. L’avvenente ventenne è rimasta quindi da sola e libera di agire indisturbata, impossessandosi di una pistola 357 magnum e di un centinaio di munizioni. Infine indisturbata, è andata via senza lasciare traccia.

Il proprietario, F.C. di 54 anni, dopo alcune ore, si è svegliato, rendendosi finalmente conto di cosa fosse successo: a quel punto non gli è rimasto che chiamare la polizia.

La Squadra Mobile arrivata sul posto, sentito il racconto dell’accaduto, ha immediatamente sequestrato le immagini dell’impianto di videosorveglianza del negozio e dopo averle visionate ha individuato la donna, che nel corso della notte, sarebbe stata rintracciata.

La ragazza autrice della rapina attualmente si troverebbe presso gli uffici della questura in attesa di essere interrogata.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti