⦿ Ultim'ora

Barca si ribalta in Calabria: almeno 50 i Migranti dispersi, altri 10 morti su una barca a sud di Lampedusa

I 50 migranti dispersi viaggiavano su una barca a vela, solo 12 persone sono state tratte in salvo dalla Guardia Costiera. L’altro naufragio a sud di Lampedusa in acque internazionali


Almeno 50 i migranti sono dispersi a circa cento miglia dalla costa della Calabria, a causa del ribaltamento della barca a vela sulla quale viaggiavano. In soccorso dell’imbarcazione è giunto un mercantile che ha trasferito successivamente i 12 migranti superstiti su un’unità della Guardia costiera che è poi approdata a Roccella Ionica. In porto è arrivato anche il cadavere di una donna morta dopo essere finita in mare. Sono state attivate adesso le ricerche delle persone disperse, ma, al momento, non ne é stata recuperata nessuna.

I migranti che viaggiavano a bordo dell’imbarcazione erano partiti nei giorni scorsi da un porto della Turchia. Tra le 12 persone giunte a Roccella Ionica c’è anche una donna in stato di gravidanza. Di quanto è accaduto è stata informata la Procura della Repubblica di Locri, che sta coordinando l’attività investigativa. Si tratta di persone di nazionalità irachena, siriana e iraniana.

Altri 10  cadaveri sono stati trovati nella pancia di una barca in legno al largo di Lampedusa, morti forse soffocati e uccisi dai fumi del carburante. A bordo complessivamente – spiega la ong Resqship – c’erano 61 persone: 51 sono state portate via, due delle quali privi di sensi: altre 10 sono state trovate senza vita nella parte inferiore dello scafo. Il team è intervenuto anche con un’ascia per accedere all’interno del barcone. Il veliero Nadir di Resqship era a oltre 100 miglia dalle coste libiche, in acque internazionali a poco più di 40 miglia da Lampedusa, nei pressi dell’area Sar maltese.