Canicattì. Agguato armato a impiegato: lo rapinano a volto coperto e scappano su auto rubata, poi incendiata

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

La Fiat Panda usata per il colpo è stata data alle fiamme subito dopo e da accertamenti è risultata essere stata rubata poche ore prima a Canicattì. Dagli elementi raccolti si ipotizza che sia stato un agguato ben pianificato

Un agente di distribuzione di prodotti di pasticceria è stato vittima di quel che sembra essere un agguato ben pianificato lungo la strada statale 122 fra Canicattì e Castrofilippo.

Il fatto è successo nel primo pomeriggio di ieri, quando due criminali armati di pistola e con il volto coperto hanno rapinato l’uomo, dipendente di una ditta di distribuzione di prodotti per pasticceria, facendosi consegnare l’incasso della giornata.

Dopo aver preso i soldi – qualche migliaio di euro, ma la cifra effettiva non è stata resa nota – , i due criminali si sono dati precipitosamente alla fuga su una Fiat Panda che è stata ritrovata bruciata alcune ore dopo in periferia. Da accertamenti è risultato che l’auto fosse stata rubata alcune ore prima del colpo a Canicattì.

Delle indagini si stanno occupando i poliziotti del commissariato di Canicattì. Appare comunque altamente probabile, dagli elementi fino ad ora raccolti, che il colpo fosse stato studiato e pianificato nei minimi dettagli, forse addirittura in modo insolitamente minuzioso per un bottino di qualche migliaio di euro. 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Sciacca. Bimba di 9 anni muore per aneurisma cerebrale: i genitori autorizzano l'espianto degli organi Successivo Ribera. 53Enne ieri era andato in campagna, ma si erano perse le tracce: oggi ritrovato morto

Lascia un commento