Catania. Chiuso noto bar in via Dusmet: locali infestati da blatte annidate in frigoriferi e vassoi tra creme e sughi – VIDEO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

È l’Etoile d’Or lo storico bar di Catania chiuso dalla polizia, perché risultato infestato da blatte, che erano annidate anche nei frigoriferi, tra i contenitori per il trasporto dei prodotti da forno e nei vassoi

L’Etoile d’Or si trova in via Dusmet, in pieno centro storico di Catania. Ad apporre i sigilli è stata la Divisione di Polizia Amministrativa della Questura a seguito di un controllo effettuato insieme al personale del Dipartimento di Prevenzione – Servizio Igiene alimentare e nutrizionale di Catania. I poliziotti hanno riscontrato numerose, gravi violazioni di natura sanitaria e il bar è stato così chiuso e il titolare denunciato e pure multato per aver occupato il suolo pubblico antistante l’esercizio.

L’Etoile d’Or di via Dusmet, in pieno centro storico di Catania

Gli agenti durante il controllo, hanno trovato pavimenti, macchinari e attrezzature, che presentavano incrostazioni alimentari, ricoperti di sporcizia stratificata, polvere e persino alcune cicche di sigarette; i locali erano massivamente infestati da blatte annidate anche tra i contenitori per il trasporto dei prodotti da forno e i vassoi; all’interno dei frigoriferi, gli alimenti deperibili particolarmente delicati, quali creme e sughi, erano depositati in secchi non protetti con idonea chiusura; le aperture che permettono lo scambio d’aria risultavano prive delle protezioni antimosche. Il titolare, di conseguenza, non esibiva alcuna documentazione o schede inerenti la corretta prevenzione/sicurezza alimentare (HACCP).

Alla luce della gravissima mancanza di igiene riscontrata all’interno del laboratorio di preparazione alimenti, al titolare veniva notificato un provvedimento di sospensione dell’attività (limitato a quella del laboratorio medesimo). Inoltre, il titolare del bar veniva denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria in quanto non esponeva la tabella dei giochi proibiti nella zona riservata alle slot machine per la mancata esposizione del listino dei prezzi e della licenza. Infine, allo stesso titolare veniva contestato un’ulteriore illecito, per aver occupato il suolo pubblico antistante l’esercizio, pur essendo privo di concessione.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Sciacca. Il Comune presenta tre progetti per la messa in sicurezza di Perriera, S. Giorgio e Palazzo di Città Successivo Termini Imerese (PA). Trovato altro cadavere di sub, è il terzo: la pista del traffico di droga è quella più seguita

Lascia un commento