Catania. Nigeriano aggredisce segretario per 15 euro, poi anche i Carabinieri con bottiglia di vetro rotta: arrestato

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Il nigeriano 19enne, irregolare in Italia, è stato arrestato dai Carabinieri dopo una violenta collutazione

Un giovane nigeriano di 19 anni è entrato in uno studio medico di via Cesare Vivante a Catania ed ha rubato 15 euro dal bancone della segreteria. Per farlo, non si è fatto scrupoli a scaraventare a terra l’addetto alla reception, subito dopo si è dato alla fuga.

A seguito di immediata segnalazione al 112 sono giunti sul posto i carabinieri del nucleo radiomobile del comando provinciale di Catania che lo hanno rintracciato e fermato mentre si trovava in strada.

Il giovane nigeriano, vistosi scoperto, è andato in escandescenze minacciando i carabinieri con una bottiglia di vetro rotta. Ma i militari dell’Arma, per nulla intimoriti, dopo una violenta colluttazione, hanno bloccato ed ammanettato il 19enne.

E’ stato così tratto in arresto ed identificato il giovane Ken Doj, nigeriano irregolare sul territorio nazionale. Su di lui gravano le accuse di: rapina impropria, lesioni personali, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Dopo gli adempimenti di rito il nigeriano è stato portato nel carcere di Catania Piazza Lanza.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Casteltermini. Sequestrata un'officina abusiva, arrestato meccanico: "discarica abusiva di materiali di scarto e allaccio elettrico abusivo" Successivo Ribera. Bruciata nella notte l'auto di un impiegato comunale: indagano i carabinieri