Consiglio. Si costituisce il gruppo “Patto per Sciacca”


Consiglieri Comunali Mario Turturici e Salvatore Monteleone, hanno comunicato oggi di avere costituito il Gruppo Consiliare denominato “PATTO PER SCIACCA”.

monteleone-turturici

“La nascita del Gruppo “PATTO PER SCIACCA” è il naturale sbocco di un cammino iniziato già due anni fa, conseguente ad una posizione critica per alcune scelte amministrative e politiche operate dall’amministrazione in carica.

In questi anni abbiamo espresso le nostre convinzioni, – dicono i consiglieri – con assoluta libertà, assumendo posizioni talvolta “scomode” ma sempre propositive, mai strumentali, che si sono tradotte in una più vigile presenza in Consiglio e nelle Commissioni, consentendo di migliorare alcune proposte di delibera.

Vedi l’abbassamento della TASI dal 2,5% al 1,6% o l’approvazione del Bilancio 2015 senza aggravi di maggiori imposte, o gli emendamenti al Piano ARO che hanno introdotto la premialità in favore dei cittadini per la raccolta differenziata.

Abbiamo al tempo stesso impedito che determinati atti potessero essere (erroneamente) valutati ed approvati dal Consiglio Comunale, magari per mera presa d’atto (vedi la originaria delibera sul piano ARO), ed abbiamo difeso strenuamente il nostro punto di vista, come sulle questioni del Piano regolatore della Città, o su quella dell’esercizio del diritto di prelazione per l’acquisto dell’area dell’ex stazione ferroviaria.

Non è in discussione la nostra fede politica, che rimane tale, ma in questo difficile momento storico riteniamo che il nostro impegno civico debba ancor più caratterizzarsi.

“PATTO PER SCIACCA” nasce per alzare la Voce a difesa di una Città che in brevissimo tempo ha assistito impotente alla chiusura delle Terme, al declassamento dell’Ospedale, alla progressiva perdita del propria centralità.

Per tali motivi “PATTO PER SCIACCA” sarà anche Movimento civico, aperto al contributo di quanti vorranno adoperarsi, dentro e fuori il Consiglio Comunale, per la elaborazione di un nuova proposta politica, che vada oltre i vecchi steccati tra centro destra e centro sinistra, e punti ad un risveglio economico e culturale della nostra Città”.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti