Covid. Direttrice Teatro Stabile Catania: “Teatri in ginocchio, solo i ricchi potranno fare gli attori”

La Direttrice Laura Sicignano: “I teatri sono chiusi, e alcuni resteranno chiusi per sempre, solo perché la sanità pubblica è stata smantellata e non può far fronte all’emergenza”

Teatri in ginocchio a causa del covid e delle misure anti-pandemia. A lanciare l’allarme è Laura Sicignano, direttrice del Teatro Stabile di Catania: Alcuni teatri chiuderanno i battenti e molti attori non ce la faranno. La cosa più triste è che a soccombere non saranno quelli meno bravi, ma quelli con le spalle economicamente meno larghe. Quello dell’attore rischia di diventare sempre di più un mestiere per ricchi. Senza teatro a una società si toglie una dimensione: il teatro è dialogo, confronto, un rito, che si ripete da millenni ed è alla base della nostra cultura mediterranea. Se allo spettatore togli il teatro, gli togli un pilastro del suo benessere mentale”. 

Per la direttrice dello Stabile: “La situazione è oggettivamente grave e non mi permetto di criticare le scelte del Governo, ma risorse importanti sono state sottratte negli anni passati alla sanità pubblica e ora tutti ne paghiamo pesantemente le conseguenze. I teatri sono chiusi, e alcuni resteranno chiusi per sempre, solo perché la sanità pubblica è stata smantellata e non può far fronte all’emergenza. 

 E c’è una triste analogia fra sanità pubblica e teatro. Anche noi siamo dispensatori di benessere, della salute non del corpo, ma della mente e dell’anima, e anche noi siamo stati relegati in fondo nella classifica dei Pil europei. Allo spettacolo dal vivo è destinato lo 0,027 del prodotto interno lordo. Una miseria risibile, se paragonata alle percentuali degli altri Paesi, per non parlare della mancanza di una legge di tutela”. 

Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti