Covid, Fondazione Gimbe: nonostante obbligo green pass crollano i nuovi vaccinati, in due settimane -41%

L’inasprimento dell’obbligo del green pass non sta producendo gli effetti desiderati dal governo: c’è un crollo dei nuovi vaccinati, dal 15 al 21 settembre effettuate soltanto 486mila inoculazioni, mentre in due settimane il calo è del -41% 

Il dato è relativo ad un monitoraggio della Fondazione Gimbe, che documenta che “A fronte di scorte che superano le 10 milioni di dosi, crollano i nuovi vaccinati, che in sole due settimane vedono una riduzione del 41% con solo poco più di 486.000 prime dosi effettuate dal 15 al 21 settembre”.

Dunque con l’estensione dell’obbligo del green pass, non è iniziata la corsa alle vaccinazioni, come invece aveva previsto il governo. Lo zoccolo duro di chi da tempo ha deciso di non vaccinarsi non fa passi indietro neanche di fronte alla limitazione delle libertà personali. Secondo i dati della Fondazione Gimbe, i più convinti a non vaccinarsi sono gli over 50, oltre ad una frenata della vaccinazione anche nella fascia 12-19 anni.

Ma ci sono anche buone notizie, infatti oltre alle vaccinazioni diminuiscono anche i casi di Covid-19, segnando un -14,9% in una settimana, così come calano ulteriormente ricoveri e terapie intensive. Rimangano invece stabili i decessi di persone infettate dal Sars-Cov-2, che sono 394 in una settimana (di cui 33 riferiti a periodi precedenti).

Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti