⦿ Ultim'ora

Droni Kiev su porto russo di Novorossiisk sul Mar Nero, Zakharova minaccia Usa e Ue: “Scherzano col fuoco”

“Kiev ha lanciato un altro massiccio attacco con droni ad ala fissa e imbarcazioni senza equipaggio contro la Crimea, la regione di Krasnodar e altre regioni russe. Ancora una volta, vorremmo mettere in guardia inequivocabilmente Washington, Londra, Bruxelles e altre capitali occidentali, così come Kiev, che è sotto il loro controllo, che stanno giocando con il fuoco: la Russia non lascerà senza risposta simili invasioni sul suo territorio”

Queste  le due parole della portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, come riporta l’agenzia Tass. Le minacce di Zakharova, per l’attacco con un drone di Kiev sulla raffineria di petrolio russa di Tuapse sulla costa del Mar Nero, che ha provocato un incendio che è stato domato. lo riporta l’agenzia britannica Reuters.

L’incendio nella raffineria, di proprietà della Rosneft, è stato spento e la raffineria è stata fermata per qualche ora, come ha riferito venerdì l’agenzia di stampa russa Tass, citando le autorità locali a conoscenza della questione. 

Anche il porto è stato chiuso subito dopo l’attacco, ma in seguito ha ripreso i carichi di petrolio dal porto petrolifero di Sheskharis e dal terminale di olio combustibile. Novorossiisk è il più grande porto russo sul Mar Nero ed è uno sbocco petrolifero fondamentale per le esportazioni e il transito di greggio e prodotti petroliferi nel sud della Russia. Gestisce anche cereali, carbone, fertilizzanti minerali, legname, container, prodotti alimentari e chimici. La nave da greggio Aframax Hera 1 è stata rimossa da un ormeggio di Sheskharis e ancorata a una certa distanza all’inizio di venerdì; in seguito le operazioni di carico sono riprese, ha dichiarato una delle fonti. La Hera 1 è stata completamente caricata di greggio nel corso della giornata.