⦿ Ultim'ora

E’ ufficiale, Carlo Conti è il nuovo conduttore e direttore artistico del Festival di Sanremo 2025-2026

Il nuovo Direttore artistico e conduttore del Festival della Canzone Italiana di Sanremo per  il biennio 2025 e 2026, sarà Carlo Conti

L’annuncio è arrivato nell’edizione del Tg1 delle otto. Pochi minuti prima l’ad Roberto Sergio aveva pubblicato una foto insieme a Carlo Conti e al dg Giampaolo Rossi con ul commento “I ‘Conti’ tornano”.

“Una decisione unanime dei vertici aziendali, l’Amministratore delegato Roberto Sergio e il Direttore generale Giampaolo Rossi di concerto con il Direttore Intrattenimento Prime Time Marcello Ciannamea“, si legge in una nota Rai che svela il contratto biennale per l’edizione 2025 e 2026: “Per il conduttore non si tratta di un semplice ritorno al Festival ma di una nuova sfida che, come obiettivo, ha quello di continuare a promuovere e valorizzare le nuove tendenze, cosi come fece nelle tre edizioni di successo, dal 2015 al 2017, che vide lanciare artisti oggi protagonisti della musica italiana. Il Direttore artistico è già al lavoro per un Festival con tante sorprese e novità”.

Conti sostituirà  Amadeus, passato alla Nove,  che ha condotto le cinque edizioni precedenti. Le prime parole del conduttore toscano sono di ringraziamento: “I Conti tornano. Ritorno a Sanremo dopo sette anni, cercherò di riprendere quel lavoro fatto, portato avanti alla grande dalle due edizioni di Baglioni e delle cinque alla grandissima da Amadeus. La musica come sempre sarà protagonista, sarà al centro, la musica attuale che piace. Speriamo di fare un bel lavoro e di continuare questa meravigliosa tradizione per questo evento che unisce tutti davanti alla tv”.

Conti ha aggiunto: “È un bel modo per festeggiare il prossimo anno i miei primi 40 anni di Rai. Da oggi inizierò a lavorare al regolamento, poi ascolterò le canzoni delle nuove proposte e dei big, come ultima cosa cercherò di capire la squadra di presentatori sul palco e tutti gli ospiti”.

Il direttore artistico ha anche svelato alcuni particolari sul suo format, smentendo la presenza fissa sul palco dei suoi amici Panariello e Pieraccioni (“Credo di no, almeno non in presenza fissa”) e confermando lo schema differente per ogni serata: “Credo di andare avanti con questa idea di alternare tutte le sere qualcosa di diverso. Facciamo troppe cose insieme, quasi non li sopporto più quei due”.

Infine ha concluso: “Nel momento in cui l’azienda me lo dovesse chiedere, cercherò di capire se in quel momento ho l’orecchio moderno, l’orecchio attento per scegliere le canzoni. Perché la cosa più importante del festival è il cast delle canzoni e dei cantanti”, aveva dichiarato a FqMagazine. Quel momento è arrivato e Conti ha risposto presente.