⦿ Ultim'ora

Elon Musk autorizza ufficialmente su X pubblicazione di contenuti pornografici

“Crediamo che gli utenti debbano essere in grado di creare, trasmettere e visualizzare contenuti sessuali, purché siano prodotti e distribuiti in modo consensuale”

La novità è visibile nella pagina “contenuti per adulti” del regolamento aggiornato, nella quale l social network X (ex Twitter) autorizza ufficialmente la pubblicazione di contenuti erotici e pornografici sulla sua piattaforma.

X precisa che “impedisce che tali contenuti siano visualizzati da bambini o da utenti adulti che non desiderano esservi esposti”. Finora il social network non aveva mai formalmente vietato video o foto erotici o pornografici dal suo sito, ma nemmeno li aveva ufficialmente autorizzati. Nel 2019 ha toccato l’argomento annunciando un divieto, a partire dal 1 gennaio 2020, per le immagini che includono “comportamenti sessuali violenti”.

D’ora in poi, le foto o i video “che ritraggono nudità adulte o atti sessuali di natura pornografica o suscettibili di suscitare eccitazione sessuale” saranno chiaramente autorizzati. Questa regola si applica anche ai contenuti generati dall’intelligenza artificiale, all’animazione e all’hentai, il genere giapponese di manga e cartoni animati ipersessualizzati. Il social network afferma tuttavia di vietare i contenuti che promuovono “lo sfruttamento (sessuale), i reati contro i minori e i comportamenti osceni”.

Una differenziazione rispetto aFacebook, Instagram e Snapchat che la contrario hanno introdotto severe restrizioni sui contenuti erotici o pornografici. Elon Musk da quando ha acquistato Twitter, ora X, ha cercato di rendere il social network uno spazio di libera espressione, limitando al mimino i contenuti censurabili. Sotto il suo controllo, X ha revocato le sospensioni imposte a diverse personalità  tra cui Donald Trump. Diverse organizzazioni, tra cui il Centro contro l’odio online (CCHR), secondo il loro personale punto di vista, hanno accusato la piattaforma di permettere il passaggio di messaggi e immagini di odio.