⦿ Ultim'ora

Fallito il golpe in Bolivia: l’ex generale Zuniga è stato arrestato in diretta tv mentre parla con i giornalisti – VIDEO

Il colpo di Stato in Bolivia è fallito, l’ex generale dell’esercito Juan José Zúñiga è stato arrestato e costretto a salire su un’auto della polizia mentre parlava in diretta tv con i giornalisti fuori da una caserma militare

È finita senza spargimento di sangue il tentato golpe in Bolivia, i militari guidati dal comandante Zuñiga, che hanno tentato di sfondare con un carro armato le porte della sede del governo boliviano, si sono ritirari dopo che il Presidente boliviano, Luis Arce, ha cambiato i vertici delle forze armate. I soldati si sono ritirati anche dalle posizioni fuori dagli edifici governativi dove si erano radunati con i carri armati e poco dopo l’ex generale Zuniga è stato arrestato.

Le fasi del tentato golpe sono state trasmesse in diretta dall’emittente ‘Telesur’: un blindato militare ha tentato di forzare il portone principale del palazzo e Zuñiga è entrato all’interno dell’edificio accompagnato da soldati armati e con il volto coperto. Prima di irrompere nell’edificio, Zuñiga aveva rilasciato una dichiarazione pubblica con cui aveva chiesto le dimissioni del presidente Arce e di tutto il governo, ma le dimissione non sono arrivate, al suo posto c’è stata una dichiarazione di sostegno alla democrazia del presidente Luis Alberto Arce: “Convochiamo il popolo e chiediamo che si sollevi contro il tentativo di golpe in corso e si schieri a favore della democrazia”, aggiungendo: “Siamo tutti qui e qui resteremo determinati a contrastare il tentativo di golpe che minaccia la nostra democrazia”. Arce ha concluso: “Non possiamo permettere che tentativi di golpe causino la morte di boliviani. Esortiamo tutti quelli che hanno a cuore la democrazia e alle organizzazioni sociali a mostrare nuovamente il cammino della democrazia al popolo boliviano”.

I militari mentre si avvicinavano a piazza Murillo, a La Paz, sede del governo, hanno usato gas lacrimogeni contro la folla che gridava “golpisti” e “Lucho non è solo”. La svolta è arrivata quando il presidente boliviano nel corridoio del palazzo ha incontrato il generale Zúñiga che gli ha chiesto di dimettersi, ma Arce ha risposto: “Sono il tuo capitano e ti ordino di ritirare i tuoi soldati e non permetterò questa insubordinazione”. La scna è stata trasmessa dalla televisione boliviana.

Prima di entrare nel palazzo del governo, Zúñiga aveva detto ai giornalisti: “Sicuramente presto ci sarà un nuovo governo, il nostro Paese, il nostro Stato non possono andare avanti così”. Zúñiga ha anche dichiarato che i militari stavano liberando i detenuti politici. Tra loro l’ex Presidente ad interim Jeanine Anez. “Libereremo Anez, il governatore di Santa Cruz, Luis Fernando Camacho, i militari detenuti”. Poche ore dopo Zúñiga è stato arrestato e costretto a salire su un’auto della polizia mentre si rivolgeva ai giornalisti fuori da una caserma militare.