Fanno esplodere un bancomat della Posta con la dinamite: banconote per strada


Hanno messo troppo, ma veramente troppo esplosivo per fare saltare un bancomat dell’ufficio postale, il risultato è stato, che è saltato l’intera costruzione dove era ospitato l’ufficio.

rapina-bancomat

È successo stanotte poco prima delle 4.30, in via Catania a Nicolosi in provincia di Catania, una banda di due o forse più persone, hanno dapprima forzato il cancello di ingresso, poi si sono diretti verso il prefabbricato dove era ospitato l’ufficio postale, e hanno posizionato l’esplosivo – troppo, ma veramente troppo – attorno alla parete che sosteneva la cassaforte bancomat: l’esplosione è stata incontrollata e spaventosamente potente e a subire danni oltre al bancomat è stato l’intero prefabbrica che ospita la Posta di Nicolosi.

Il bancomat ovviamente si è aperto – oltre all’edificio in cui era ospitato – ma nella violenta esplosione parte delle banconote sarebbero saltate fuori dalla cassaforte disseminandosi tutto attorno, e alcune si sarebbero bruciate. La maggior parte dei soldi però, sarebbe rimasta all’interno.

L’esplosione è stata potente e molto rumorosa e i ladri, preoccupati dell’arrivo delle forze dell’ordine hanno preferito scappare e abbandonare il malloppo.

Quindi niente soldi e molti danni”collaterali”, tra i quali i disagi che dovranno affrontate gli utenti della posta, soprattutto gli anziani che il primo del mese, come sempre utilizzano gli sportelli postali per ritirare le pensioni: “Cercheremo di sistemare gli uffici in tempi brevi, in modo tale da alleviare i disagi dei cittadini”, sono state le parole della direttrice dell’ufficio postale di Nicolosi.

Le indagini sono condotte dai carabinieri della compagnia di Paternò, che stanno visionando le immagini del sistema di video sorveglianza della zona. Inoltre i resti dell’esplosivo trovati sul luogo del tentato furto, saranno spediti al reparto Ris di Messina, con lo scopo di capire il tipo e la provenienza del materiale.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti