⦿ Ultim'ora

Financial Times: “Banche Occidente fanno affari in Russia e pagano 800 mln di tasse”

Se guadagni e anche tanto, è difficile rispettare le sanzioni: le maggiori banche occidentali che sono rimaste in Russia lo scorso anno hanno guadagnato tanto ed hanno pagato più di 800 milioni di euro in tasse al Cremlino, una cifra quattro volte superiore ai livelli pre-guerra

 Lo riporta il Financial Times sottolineando che le imposte pagate, pari allo 0,4% delle entrate russe non legate all’energia per il 2024, sono un esempio di come le aziende straniere che restano nel Paese aiutano il Cremlino a mantenere la stabilità finanziaria nonostante le sanzioni. Secondo quanto riportato dal quotidiano, “le maggiori sette banche europee per asset in Russia – Raiffeisen Bank International, Unicredit, Ing, Commerzbank, Deutsche Bank, OTP e Intesa Sanpaolo – hanno riportato guadagni totali per oltre tre miliardi di euro nel 2023” e giustamente. su ciò che guadagni paghi le tasse.  Ma non è tutto, “questi profitti sono stati tre volte maggiori rispetto al 2021 e in parte generati dai fondi che le banche non possono ritirare dal Paese”.