Crea sito

Forza Italia perde pezzi, 3 deputati, Ravetto, Zanella e Carrara passano alla Lega: “mai con questo governo”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Gli ammiccamenti di Silvio Berlusconi verso il governo Conte non piacciano a tutti gli eletti in Forza Italia ed oggi tre deputati Laura Ravetto, Federica Zanella e Maurizio Carrara hanno annunciato il loro passaggio alla Lega di Salvini

La notizia era nell’aria, qualche giorno fa Laura Ravetto intervistata nel programma Agorà su Rai3, da Luisella Costamagna a proposito dello scostamento di bilancio rispose: “Dalle parole del Presidente Berlusconi sembra si voglia andar lì. Io le dico quello che penso. Io spero però che non sia l’ennesima volta che portiamo acqua al mulino senza esser coinvolti nelle decisioni”.

È racchiusa in questa frase la causa dello sfaldamento di Forza Italia. Le motivazioni dell’abbandono dei tre deputati al parlamento eletti con gli azzurri Laura Ravetto, Federica Zanella e Maurizio Carrara, che hanno deciso di passare al gruppo della Lega, sono state rese note con un comunicato congiunto: “Abbiamo deciso di impegnarci in politica in tempi e modi diversi, convinti che i valori e i programmi del centrodestra siano la risposta giusta per il Paese. Ringraziamo Silvio Berlusconi per averci dato la possibilità di tradurre le nostre competenze e il nostro ‘sentire’ in azioni politiche concrete. In qualità di eletti su collegi uninominali con i voti di tutto il centrodestra tuttavia viviamo con disagio le sempre più ampie aperture al governo e gli ammiccamenti con il Partito Democratico”.

I tre parlamentari poi aggingono: “Prendiamo atto che Forza Italia ha altresì perso quella forza propulsiva che l’aveva portata ad essere luogo di aggregazione per tutto il centrodestra e riteniamo che quel luogo di aggregazione sia oggi rappresentato dalla Lega di Matteo Salvini, che crediamo possa essere il miglior interprete di quella rivoluzione liberale i cui valori sono più che mai attuali e necessari, nonché il Partito con cui meglio portare avanti con coerenza quel programma unitario su cui abbiamo ‘messo la faccia’ in campagna elettorale, e che non vogliamo tradire”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.