Giarre (CT). In ospedale scambiano infarto per influenza: 44enne viene dimesso, ma muore dopo poche ore

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Potrebbe trattarsi dell’ennesimo caso sospetto di malasanità: un infarto è stato scambiato per una banale influenza e un 44enne è morto dopo poche ore che era stato dimesso dal pronto soccorso

È accaduto nel pomeriggio di ieri all’ospedale Sant’Isidoro di Giarre, in provincia di Catania. La vittima è Luigi Magaraci, un 44enne di Macchia. L’uomo ieri mattina intorno alle 11, a causa di forti dolori all’addome si è recato al Presidio Territoriale d’emergenza del Sant’Isidoro, accompagnato dalla moglie e dal padre. Qui il medico di turno dopo la visita, – secondo il racconto della moglie della vittima Manuela Tomarchio -, avrebbe sottovalutato l’origine del malessere, scambiando un infarto in corso, per un malore gastrointestinale, originato da uno di tanti virus attualmente in circolazione. Il sanitario ha quindi somministrato un antidolorifico e senza effettuare un elettrocardiogramma, ha dimesso il paziente.

Magaraci quindi è tornato a casa, dove dopo qualche ora i dolori all’addome e al petto sono diventai più intensi. La moglie a quel punto ha capito che la situazione era grave ed ha chiamato il 118, ma in soccorso è intervenuta, un’ambulanza non medicalizzata e il 44enne poco dopo ha perso i sensi.

La donna a quel punto – sempre secondo il suo racconto – ha preteso l’ambulanza con il medico a bordo che però non era disponibile in quanto stava rientrando dal Cannizzaro di Catania e che, si è appreso, sulle prime era stata attivata con codice giallo.

Intorno alle 14.36, finalmente l’ambulanza con il medico a bordo ha raggiunto l’abitazione della vittima, un residence di via Principe di Piemonte a Macchia, dove purtroppo i sanitari non hanno potuto fare altro che accertare l’avvenuto arresto cardiocircolatorio del 44enne e il suo decesso.

La moglie Manuela Tomarchio, ha immediatamente richiesto l’intervento dei carabinieri ai quali ha sporto  formale denuncia. La donna accusa apertamente il medico del Pte di turno del Sant’Isidoro che nella mattinata avrebbe inquadrato il caso come un malore gastrointestinale, originato da un virus, senza effettuare un elettrocardiogramma.

I carabinieri sulla scorta della denuncia presentata dai familiari della vittima, hanno avviato le indagini. La salma del 44enne è stata condotta all’obitorio del Policlinico di Catania a disposizione del medico legale della Procura.

L’Azienda sanitaria appresi i fatti ha inviato all’ospedale Sant’Isidoro di Giarre gli ispettori dell’Asp Spampinato e Ficicaro con il compito di verificare quanto accaduto. I due ispettori hanno acquisito il referto e si riservano di effettuare tutti gli approfondimenti del caso.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Palermo. 25mila chili di melograni tunisini contaminati da parassiti: bloccati e rispediti al mittente Successivo Ribera. Arrivano 2.5milioni di euro per la riqualificazione della piazzetta di Borgo Bonsignore