Crea sito

Giarre (CT). Pensionato picchiato da 2 banditi per rubargli 10 euro: 47enne arrestato grazie ad un video

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I carabinieri hanno arrestato Roberto Samperi, 47 anni, di San Pietro Clarenza, con l’accusa di rapina aggravata in concorso ai danni di un pensionato di 71 anni

La rapina è stata consumata il 26 marzo scorso, a Giarre, in provincia di Catania. Un pensionato di 71 anni è stato picchiato da due banditi per rubargli i 10 euro che aveva in tasca e due collane d’oro che indossava.

A seguito della denuncia, i carabinieri hanno avviato le indagini e dalla visione del video dell’aggressione, ripresa da un sistema di videosorveglianza della zona, sono emersi i particolari che hanno permesso di risalire ad uno degli autori della rapina.

Nel video si vede il pensionato intento a posare degli oggetti nel bagagliaio della sua auto, quando viene avvicinato da un uomo incappucciato armato di una pistola, che con un’autovettura Volkswagen Polo guidata da un complice, lo bloccano impedendogli di fuggire. Il bandito armato perquisisce l’anziano rubandogli i soli 10 euro che aveva in tasca e poi, afferrandolo per il collo, gli strappa con forza due catenine d’oro provocando però la sua inaspettata reazione. L’altro rapinatore, vedendo il suo complice in difficoltà, scende dall’auto e picchia il 71enne con calci e schiaffi. I due infine arraffato il misero bottino e si danno alla fuga.

Le indagini dei carabinieri di Giarre  hanno permesso di risalire a Samperi, proprietario dell’autovettura utilizzata per la rapina, la cui fisionomia corrisponde a quella dell’autore della rapina ripreso nel sistema di videosorveglianza.

Nei suoi confronti militari dell”Arma della stazione di Giarre, coadiuvati dai colleghi di Camporotondo Etneo, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip su richiesta della Procura di Catania, e condotto il 47enne nel carcere di Caltagirone.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti

Lascia un commento