Gibilaro : “Firetto, politicamente non sei più credibile per amministrare Agrigento”


In una nota stampa il Consigliere comunale Gerlando Gibilaro scrive: “Firetto, politicamente non sei più credibile per amministrare Agrigento”.

Calogero-Firetto

“Oggi è una giornata triste – continua Gibilaro – sia per la Comunità empedoclina che per quella agrigentina. Popolo e Onorevoli, prediamo  atto dell’eredità politica lasciata da Firetto.

La dichiarazione del dissesto finanziario del Comune di Porto Empedocle, certifica che la vita economica e sociale di tutta la comunità empedoclina sarà compromessa per tantissimi anni.
Appare utile ricordare che la Deputazione Agrigentina che ha sostenuto Firetto, politicamente negli anni del disastro  a Porto Empedocle, oggi è sempre più responsabile e complice per averlo sostenuto anche ad Agrigento.
Costoro oggi, se lo vogliono, sono ancora in tempo per prendere le dovute distanze da Firetto.
Auspico – dice Gibilaro – per il rispetto degli elettori empedoclini, che gli agrigentini lo facciano (prendere le distanze), anche in vista dell’importante scadenza elettorale, che si terrà a breve, per il Libero Consorzio dei Comuni.

Politicamente – conclude il Consigliere Gibilaro – Firetto non è più credibile di fronte agli empedoclini, tantomeno innanzi al popolo  agrigentino e della provincia di Agrigento.
Ho ancora vivo in me, il ricordo delle fumogene interviste che Firetto rilasciava, in campagna elettorale, in merito alla situazione economico-finanziaria di Porto Empedocle, proclamando rose e fiori!

Lo invito a rivederle.

Noi agrigentini alla luce di come Firetto ha amministrato Porto Empedocle siamo seriamente preoccupati per le sorti della nostra Comunità; per tutti noi ormai Firetto non è più credibile, sia politicamente che come Amministratore, quindi chiedo a gran voce, al Sindaco Firetto di toglierci dall’imbarazzo e di DIMETTERSI”.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.