Guerra in Libia. 6000 migranti pronti a partire per l’Italia, Salvini: “nuova direttiva, acque e cieli italiani chiusi”

  •  
  •  
  •  
  •  

La guerra civile in Libia iniziata lo scorso 4 aprile , ha già causato oltre 100 morti e nessuna delle due parti in causa sembra volere fermarsi

Gli interessi economici di molte nazioni, con la Francia in prima fila, legati al petrolio, lasciano poco spazio alle diplomazie e la guerra in Libia non accenna a fermasi e il rischio di una nuova ondata di immigrati si fa sempre più probabile.

Il Viminale però ha assicurato che non ci sarà un aumento di sbarchi in Italia, ma oggi, come riporta il Corriere della sera, l’intelligence italiana resta in allerta e pare ci siano addirittura dei “report riservati consegnati in queste ore al presidente del Consiglio Giuseppe Conte”, che ci sarebbero almeno 6.000 africani pronti ad imbarcarsi. Ma ciò che più preoccupa gli 007 ed il governo, è che in questa nuova ondata possano infiltrarsi terroristi dell’Isis.

Il Ministro dell’interno Matteo Salvini, ha fatto già sapere che domani inoltrerà una nuova direttiva che “ribadisce che le acque italiane e cieli si varcano solo se ne hai diritto a farlo altrimenti in Italia non si entra. Noi stiamo lavorando per la pace e la tranquillità. La pace viene prima degli interessi economici e degli egoismi nazionali: lo dico a qualche alleato o presunto tale”.


  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Preside di Marsala arrestata: usava l'auto della scuola per fare viaggi anche in Francia Successivo Alcamo. Ubriaco disturba al Pronto Soccorso, poi aggredisce Carabinieri: arrestato marocchino

Lascia un commento