⦿ Ultim'ora

Guerra Israele e Libano più vicina. Netanyahu: contro  Hezbollah vinceremo. Olanda e Germania invitano i loro cittadini a lasciare il Libano 

Israele otterrà una vittoria anche sul fronte settentrionale, se dovesse scoppiare una guerra con Hezbollah e Germania e Olanda invitano i loro cittadini a lasciare il Libano

Lo ha assicurato il premier israeliano Benjamin Netanyahu, in visita nel nord dello Stato ebraico, al confine con il Libano, per assistere a un’esercitazione militare, parole che fanno pensare che per il capo del governo israeliano la guerra con Hezbollah non sia solo un’idea.  Netanyahu ha celebrato “la determinazione dei soldati nel difendere il Paese”, assicurando che vogliono “ottenere la vittoria, niente di meno”. Alla visita hanno preso parte il suo consigliere militare, Roman Gofman e il capo del Comando settentrionale delle forze armate, Ori Gordin.

Anche le parole del presidente israeliano, Isaac Herzog, che oggi ha concluso un soggiorno di due giorni nel nord di Israele dove ha visitato le aree bombardate dalle milizie Hezbollah, accusando il mondo di non fare abbastanza per allentare la situazione con il partito libanese, fanno presagire un attacco a breve. “La comunità internazionale non dovrebbe sorprendersi se la situazione sfugge al controllo, perché la comunità internazionale non alza quasi un dito, non fa quasi nulla per contribuire alla piena sicurezza dei residenti israeliani, dopo ripetute violazioni dei trattati e degli accordi internazionali da parte del Libano e da Hezbollah”, ha detto Herzog, secondo una nota. 

Anche l’invito, con toni pesanti ai propri cittadini di lasciare il Libano di Germania e Olanda indica che la minaccia che il conflitto si accenda da un momento all’altro e più vicino di quanto si pensi.

L’Olanda ha emesso un avviso di sicurezza per i suoi cittadini in Libano, chiedendo loro di lasciare il Paese dei cedri “il prima possibile” a causa delle tensioni sempre più in aumento tra Israele e Hezbollah. In una nota diffusa sul social X, il ministero degli Esteri ha invitato i cittadini olandesi a evitare i viaggi in Libano, chiedendo invece a coloro che vivono lì di partire “il prima possibile” dal momento che i voli commerciali sono ancora operativi. Il ministero ha inoltre chiesto ai cittadini olandesi che scelgono di rimanere in Libano di mantenersi in contatto con l’ambasciata a Beirut e di prepararsi a eventuali emergenze.

Anche il ministero degli Esteri tedesco ha invitato i cittadini tedeschi in Libano a “lasciare urgentemente il Paese”. “La situazione della sicurezza nella regione è altamente instabile”, ha scritto il ministero tedesco in una nota, ricordando che “nelle ultime settimane gli scontri militari nella zona di confine tra Libano e Israele sono aumentati di intensità”. “Non è da escludere un ulteriore aggravamento della situazione e un’espansione del conflitto. Questo vale in particolare per le parti meridionali del Libano fino alle aree urbane meridionali di Beirut e della valle della Bekaa, compreso il distretto di Baalbek-Hermel. Un’ulteriore escalation potrebbe portare anche alla completa cessazione del traffico aereo dall’aeroporto Rafiq Hariri. In questo caso non sarebbe più possibile lasciare il Libano in aereo”, ha comunicato ancora il ministero, aggiungendo che “in relazione alle tensioni nella regione si prevedono anche manifestazioni di protesta. Nel contesto di tali azioni possono verificarsi rivolte”.
18:23 26 Giugno