⦿ Ultim'ora

Israele  nella notte bombarda Rafah: un morto e 3 feriti. Blinken: “A Gaza uccisi più civili che terroristi”

Israele continua ad attaccare Rafah in cerca di terroristi, ma uccide civili inermi, dagli Usa arriva l’ammonimento di  Antony Blinken: “A Gaza uccisi più civili che terroristi”

L’agenzia di stampa palestinese Wafa ha comunicato che una persona è morta e altre tre sono rimaste ferite in un bombardamento israeliano che ha colpito ieri sera la parte meridionale di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza. Feriti a causa dei raid delle ultime ore vengono segnalati anche nel campo profughi di Bureij, nel centro dell’enclave palestinese. Il bilancio delle vittime dal 7 ottobre è di almeno 35.034 morti e 78.755 feriti, secondo i dati del ministero della Sanità locale gestito da Hamas.

Il segretario di Stato Usa Antony Blinken in un’intervista a Cbs ha detto che a Gaza sono stati uccisi più civili che terroristi e c’è un divario fra le intenzioni di Israele e i risultati in termini di protezione dei civili.

Nel rapporto del Dipartimento di Stato presentato al Congresso nei giorni scorsi si afferma che Israele ha “la conoscenza e gli strumenti per attuare le pratiche migliori per ridurre i danni civili nelle sue operazioni militari”. Tuttavia, i “risultati sul terreno, incluso l’elevato numero di vittime civili, sollevano sostanziali dubbi sul fatto che l’Idf li abbia usati in modo efficace in tutti i casi”.

Il rapporto del Dipartimento di Stato “ha detto chiaramente che Israele ha le procedure e le regole per cercare di minimizzare i danno ai civili, ma dato l’impatto” che le sue operazioni hanno avuto sulle “popolazione civile a Gaza” queste regole “non sono state applicate in modo coerente”, ha detto Blinken, sottolineando che gli Stati Uniti non hanno ancora visto un piano di Israele che prevenga il ritorno di Hamas nelle aree in cui l’esercito è già intervenuto e se ne è andato, lasciando così un vuoto.