Licata. Sindaco: “Demolizioni immobili abusivi mai fermate, faccio rispettare la legge, ma sono lasciato solo”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Perché certi media continuano a presentare Licata come la città dell’illegalità? Le demolizioni degli immobili abusivi, dal 20 aprile del 2016, non si sono mai fermate. Io, servitore dello stato, faccio rispettare la legge, ma vengo lasciato solo”

Questa la nota piccata del sindaco di Licata Giuseppe Galanti in risposta alla voci sulla sua mancata attuazione delle demolizioni degli immobili abusivi.

Mi sorprende, ancora una volta, – scrive Giuseppe Galanti – la rappresentazione che certi media fanno della città che amministro, portata spesso ad esempio di illegalità.
Le demolizioni degli immobili abusivi edificati vicino al mare va avanti, nel rispetto di leggi e sentenze della Magistratura, ININTERROTTAMENTE, dal 20 aprile del 2016. Credo che Licata sia una delle poche città d’Italia, se non l’unica, in cui in poco più di tre anni sono stati demoliti oltre 200 immobili abusivi. E allora perché, chi presenta certi servizi, non ne tiene conto?

Io amministro, da sindaco, Licata dal mese di giugno del 2018 ed ho fatto rispettare costantemente la legge sulle demolizioni. Sono un servitore dello Stato, ma vengo lasciato solo. E ciò accade a differenza di altri che, certamente hanno maggiori responsabilità di me in questo settore, ma vengono portati ad esempio, quasi idolatrati.
A chi serve questa pubblicità negativa per Licata? Sicuramente non ad una città che sta provando a rialzarsi, pensando ad uno sviluppo sostenibile, che parta dal basso. Probabilmente serve a chi persegue esclusivamente un interesse personale”.

“Spero che Licata, – conclude il sindaco – così come sto facendo io, reagisca ad una simile situazione. L’unico modo, a mio avviso, per farlo, è che la comunità resti unita, continuando a lottare anche contro chi rema contro”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Palermo. Professore rimprovera alunna, arriva la mamma con la nonna e lo schiaffeggia Successivo Porto Empedocle. “Ripulito” un oliveto: rubati 5mila chili di olive, indagano i carabinieri

Lascia un commento