L’Italia protesta contro green pass: “100mila a Roma”. Vice questore Schilirò : “Abbiamo giurato sulla costituzione”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In quasi tutte le più grandi città italiane ieri una moltitudine di persone sono scene per la strade per protestare contro il green pass. A Roma la vice questore Nunzia Alessandra Schilirò tra la gente al grido di “Il green pass italiano è illegittimo”


La protesta dei cittadini contro il green pass non tende a scemare, anzi aumenta la partecipazione con l’avvicinarsi della fatidica data del 15 ottobre, giorno in cui entreranno in vigore le restrizioni del Governo Draghi che vanno in senso totalmente contrario a quanto sta accadendo in altri Paesi d’Europa e del mondo, dove il green pass per accedere al lavoro non esiste e raggiunta la soglia dell’80% della popolazione vaccinata – e dove spesso gli under 18 sono esentati – si sta tornando ad aperture totali e senza green pass.

A Roma una piazza San Giovanni così affollata per una manifestazione di carattere politico, non si vedeva da decenni. Per gli organizzatori erano presenti in 100 mila, provenienti da tutt’Italia, che hanno sfilato pacificamente, ma rumorosamente, scandendo slogan con richiesta di libertà. Per la Questura erano in 3000.

La manifestazione “Contro il green pass, per la Libertà e il futuro” è stata organizzata da Ancora Italia, Movimento 3V, FISI, Primum non nocere, No paura day e Fronte del dissenso ed tanti cittadini, senza alcun logo politico hanno risposto “presente”.

Ma a fare davvero rumore, non sono state le grida dei tanti partecipanti, ma la voce pacata e decisa di Nunzia Alessandra Schilirò, esponente delle forze dell’ordine, vice questore di Roma, che è salita sul palco, con un intervento non previsto in scaletta. “La disobbedienza civile – ha detto la vice questore – è un dovere sacro quando lo Stato diventa dispotico”, citando una frase celebre di Gandhi

Intervista di BioBlu

Poi Alessandra Schilirò ha aggiunto: “Il male nella storia non ha mai vinto. Se il male avesse vinto, noi non saremmo qui”. Infine ha concluso: “Noi poliziotti abbiamo giurato sulla Costituzione, per questo sono qui. Il green pass italiano è illegittimo. Dobbiamo unire le nostre energie per indicare una via migliore”.

Anche a Milano i cittadini si sono fatti sentire e le forze dell’ordine presenti, hanno avuto difficoltà a contenere il corteo che forse non prevedevano così numeroso.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti

Lascia un commento