M5S a Renzi: “Contratto della Monterosso da revocare”


“Stop al contratto del segretario generale della Regione, Patrizia Monterosso, e a tutti quelli dirigenziali effettuati dopo l’entrata in vigore delle legge 7 agosto 2014, la cosiddetta delega Madia”

crocetta-monterosso

E’ quello che in sostanza chiede il M5S alla Camera con una interrogazione firmata dalla deputata palermitana a Montecitorio Giulia Di Vita.

L’interrogazione, diretta a Renzi e ai ministri per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione, chiede anche se il governo non ritenga opportuno dare un segnale politico di rilievo per evitare alle Regioni e alle istituzioni di tenere un comportamento scorretto con “procedure che sembrano avere il surrettizio scopo di aggirare anzitempo le nuove norme sulla dirigenza pubblica”.

La “delega Madia” demanda al governo di adottare entro i 12 mesi dall’entrata in vigore della legge, decreti legislativi in materia di dirigenza pubblica e tra i criteri direttivi prevede l’ipotesi di revoca dell’incarico e di divieto di conferimento di incarichi in settori sensibili ed esposti al rischio di corruzione, in presenza di condanna anche non definitiva da parte della Corte dei conti al risarcimento del danno erariale per condotte dolose”

“Quanto approvato ‘delega Madia’ -afferma Giulia Di Vita – è il risultato di una proposta di modifica del gruppo M5S, che si è battuto nell’aula parlamentare affinché venisse sancita una norma di buon senso che prevedesse almeno, per l’appunto, la revoca o il divieto di rinnovo dell’incarico ai dirigenti in settori esposti al rischio corruzione, quando c’è una condanna (anche non definitiva) da parte della Corte dei conti al risarcimento del danno erariale per condotte dolose. Una ipotesi che calza a pennello con la situazione delle dottoressa Monterosso, condannata, ricordiamolo, con sentenza definitiva a risarcire all’Erario quasi un milione e 300 mila euro. Anche per questo oltre che per ragioni di opportunità il suo contratto deve essere revocato”.

“Lascia perplessi inoltre – prosegue la deputata – la circostanza che tale rinnovo d’incarico dirigenziale sia operato proprio pochi mesi prima che scada l’esercizio della delega Madia e prima, quindi, di un cambio delle ‘regole del gioco’, le quali non consentirebbero il rinnovo dell’incarico dirigenziale alla Monterosso per il delicato e importantissimo ruolo di segretario generale della Presidenza della Regione”.

Deroghe alla delega Madia sarebbero avvenuti anche in altre regioni, ad esempio nella Campania.

cosa che che ha portato il M5S chiedere lumi al governo con l’interrogazione della di Vita.

“Nel caso della Campania – dice la parlamentare – il governo ci ha dato già ragione, verosimilmente ce la darà anche per la Monterosso, quindi per evitare magre figure Crocetta potrebbe agire d’anticipo”.

Il rinnovo del contratto della Monterosso, secondo il M5S, cozza anche contro le vigenti norme sul pubblico impiego.”

Il decreto legislativo 165 del marzo 2001 – afferma la Di Vita – prevede che l’accertato mancato raggiungimento degli obiettivi o l’inosservanza delle direttive imputabili al dirigente comportano l’impossibilità di rinnovo dello stesso incarico dirigenziale o la revoca dello stesso”.

Sulla proroga del contratto si era espresso pesantemente anche il M5S all’Ars che aveva definito l’operazione “l’acida ciliegina sulla rancida torta del governo”.

“E’ assurdo – dice Giorgio Ciaccio – vedere a capo della burocrazia regionale una persona condannata in via definitiva per danno all’erario. Crocetta con questa ennesima scellerata scelta ha dimostrato di non essere in grado di dare il buon esempio, condizione necessaria per ridare credibilità alle istituzioni, ormai ai minimi storici. Dobbiamo cambiare rotta e passo. Per questo motivo se dovessimo vincere alle prossime competizioni regionali persone in queste situazioni non potranno mai ricoprire incarichi apicali. Stiamo lavorando sull’aspetto legislativo per far sì che vergogne simili non capitino più in nessuna legislatura”.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.