Messina. Agricoltore muore folgorato dalla recinzione elettrica per respingere i cinghiali che stava sistemando

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Un agricoltore di 72 anni è morto folgorato cadendo sulla recinzione elettrificata che aveva costruito da se, restando fulminato

Immagine di repertorio

È accaduto nella mattinata di ieri in un terreno nel villaggio di Salice a Messina. La vittima è Rosario Feminò, di 72 anni, agricoltore. Secondo una prima ricostruzione, ma le cause sono in corso di accertamento, l’uomo stava effettuando un controllo sulla recinzione che aveva costruito da se per non fare entrare i cinghiali nella sua proprietà, quando è inciampato o forse ha avuto un malore improvviso, che l’ha fatto cadere proprio sulla rete che era attiva, rimanendo folgorato.

La rete pare fosse stata costruita in proprio allo scopo di proteggere un orto che l’anziano aveva realizzato nel suo terreno e che era stato più volte devastato dalle incursioni dei cinghiali selvatici.

Sul posto sono arrivati i carabinieri per chiarire la dinamica dell’incidente ed i sanitari che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Sciacca. Operazione antidroga carabinieri: “pioggia di arresti” Successivo Sciacca. Monte, Milioti e Bono: “città invasa dai topi, il sindaco faccia un serio intervento di derattizzazione”

Lascia un commento