Crea sito

Migranti, 76 dei 278 a bordo della Open Arms si gettano in mare: recuperati e riportati sulla nave

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Settantasei clandestini a bordo della della Open Arms stamattina si sono gettati in mare nel tentativo di raggiungere la costa, ma sono stati recuperati dalle motovedette della capitaneria di porto e riportati sulla nave

La Open Arms da ieri pomeriggio si trova a poche miglia dal porto di Palermo in attesa del via libera allo sbarco del governo. La nave della ong spagnola dapprima si era portata a ridosso di Porto Empedocle, ma forse dopo avere valutato che il sindaco Ida Carmina della città marinara non sarebbe stata “contenta” di un eventuale sbarco, si è spostata a Palermo, dove notoriamente il sindaco Leoluca Orlando è più propenso ad accoglierli a “braccia aperte”.

Ma il ministro dell’interno Luciana Lamorgese, titolare del Viminale, al momento non ha ancora dato il suo assenso alla sbarco – i più maligni pensano che lo farà nel pomeriggio di lunedì dopa la fine delle votazioni delle regionali e referendum – e così 76 dei 275 migranti che si trovano sulla nave, si sono gettati in mare, ma non prima di avere indossato “con calma” i giubbotti di salvataggio. L’idea iniziale era quella di raggiungere la costa a nuoto, o in subordine, una volta recuperati essere portati sulla terra ferma.

Ma non è andata così, i militari della capitaneria di porto, li hanno si recuperati, ma senza un ordine ministeriale, non hanno potuto fare altro che riportarli sulla nave, a bordo della quale ci sono 275 clandestini provenienti dall’Egitto, dal Burkina Faso, dal Ghana, dalla Siria e dalla Costa d’Avorio. Ieri due donne incinte e il marito di una delle due, sono stati evacuati per problemi di salute.

Matteo Salvini impegnato nella campagna elettorale, non ha perso tempo ed ha commentato: “Quasi 300 immigrati clandestini portati oggi a Palermo dalla spagnola Open Arms, 76 si sono buttati in mare per “protesta”, recuperati dalla Guardia Costiera. Italia sotto ricatto di Ong straniere, gli altri Paesi del Mediterraneo non li fanno arrivare, da noi porti aperti e ricca ospitalità su navi da crociera, mentre i trafficanti di esseri umani e i finti buoni che col business dell’immigrazione alimentano la loro mangiatoia si fregano le mani. Complimenti PD e 5 Stelle, ottimo lavoro.

Gli italiani vi ringrazieranno presto, a partire da questa domenica”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti