⦿ Ultim'ora

Ministero Difesa russo: “Kiev ha perso 35mila uomini e 28 villaggi nel solo mese di maggio”

Andrei Belousov: Le forze ucraine hanno ormai “perduto il potenziale offensivo”, infatti “il regime di Kiev, privato dell’opportunità di prendere iniziativa sul campo di battaglia, continua a dimostrare la capacità di infliggere danni alla Federazione Russa agli sponsor occidentali solo sferrando attacchi alle infrastrutture civili”.

Il ministro della Difesa russo, Andrei Belousov, ha affermato oggi che le forze ucraine hanno persono 35mila uomini in un solo mese, si sono ritirate di 9 chilometri nella regione di Kharkiv mentre quelle russe “stanno avanzando in tutte le aree tattiche del fronte” e che nel mese di maggio i soldati russi hanno conquistato ben 28 villaggi.

“Le Forze Armate della Federazione Russa continuano a ridurre sistematicamente il potenziale di combattimento dell Forze armate ucraine. Nel maggio di quest’anno il nemico ha perso più di 35.000 militari e più di 2700 sistemi d’arma. Tra le armi distrutte c’erano 290 carri armati e veicoli corazzati da combattimento, inclusi 4 carri armati Abrams, 7 carri armati Leopard e 12 veicoli da combattimento di fanteria Bradley. Inoltre sono stati abbattuti 11 aerei e quattro elicotteri, 730 cannoni d’artiglieria da campo e veicoli da combattimento MLRS sono stati distrutti”, ha detto Belousov.

Secondo il neo-capo della Difesa di Mosca: “il regime di Kiev, privato dell’opportunità di prendere iniziativa sul campo di battaglia, continua a dimostrare la capacità di infliggere danni alla Federazione Russa agli sponsor occidentali solo sferrando attacchi alle infrastrutture civili” e nota che “l’intensità di queste azioni aumenta in vista della prossima conferenza in Svizzera, prevista per la metà di giugno”.

A sostegno di questa tesi Belousov dice: “Nel mese di maggio, le Forze Armate della Federazione Russa hanno intercettato più di 1000 droni aerei, 250 proiettili HIMARS e Vampire MLRS, 80 bombe aeree guidate Hammer, 50 missili tattici-operativi ATACMS e otto missili da crociera SCALP”, affermando inoltre che: “Proprio nella notte dell’altro ieri sul ponte di Crimea è stato lanciato l’attacco più massiccio da parte degli ucraini con 10 missili ATACMS. Tutti i missili sono stati abbattuti con successo. Di conseguenza, centinaia di vite sono state salvate”.

“Le forze russe continueranno a liberare le nuove regioni della Russia dai neonazisti e adottaranno tutte le misure per adempiere al compito principale di proteggere la popolazione della Federazione Russa. Continueremo ad agire con decisione e in modo commisurato alle minacce alla sicurezza”, ha concluso il ministro della Difesa russo.