Montagnier a Milano: “Solo i non vaccinati potranno salvare l’umanità e potranno salvare i vaccinati”


“Il dopo dipende da voi, soprattutto dai non vaccinati, che un domani potranno salvare l’umanità, perché solo i non vaccinati potranno salvare i vaccinati. Vaccinare i bambini è un crimine assoluto”

Così il virologo e biologo Luc Montagnier, premio Nobel per la medicina nel 2008, che nel pomeriggio di ieri, ha tenuto un comizio in piazza XXV aprile a Milano. La manifestazione contro il vaccino e il green pass è stata organizzata da Italexit di Gianluigi Paragone.

Lo scienziato 89enne, da sempre contrario ai vaccini a mMRNA contro il Covid, in una piazza molto affollata, parlando in francese e poi tradotto in italiano, ha messo in discussione tutte le argomentazioni dei virologi televisivi italiani, sui vaccini approvati e sulle possibili cure non autorizzate.

Secondo Montagnier: “Contrariamente a quello che era stato detto, questi vaccini non proteggono assolutamente ed è quello che sta venendo fuori piano, piano. Questo oggi è riconosciuto a livello scientifico da tutti e non sono soltanto gli esperimenti scientifici che lo dicono, ma anche tutti i malati che andando a guardare al loro interno hanno scoperto che questo vaccino non funziona”.

Il virologo ancora: “ Questo vaccino invece di proteggere come era stato detto, può succedere anche che favorisce altre infezioni, la proteina che è stata utilizzata per proteggerci, in realtà è tossica. Ci sono tanti morti soprattutto a livello sportivo di giovani che hanno problemi cardiaci importanti per colpa di questo vaccino ed è un crimine assoluto dare questo vaccino ai bambini”.

Poi l’affondo: “Questo vaccino può causare malattie al cervello molto gravi e malattie a lungo termine. Ci sono molte persone che a causa di questo vaccino stanno morendo, i sintomi neurologici spesso arrivano già dalla seconda dose e non dalla prima e ad oggi nessuno può prevedere quante delle persone vaccinate, domani avranno problemi neurologici importanti”.

Lo scienziato fa anche un appello ai medici suoi colleghi: “Fermate la vaccinazione con questo tipo di vaccino. Tante nazioni si sono dimenticate che non esiste solo il vaccino, ma ci sono dei farmaci in grado di curare il virus ed in particolare i comunissimi antibiotici”.

Poi Gian Luigi Paragone chiede a Montagnier cosa succederà a breve:Il dopo dipende da voi, soprattutto dai non vaccinati, che un domani potranno salvare l’umanità, perché solo i non vaccinati potranno salvare i vaccinati, che in ogni caso dovranno interpellare i centri medici”.

Infine la stoccata ai televirologi: “Bisogna evitare di ascoltare e di dare voce a chi non ha titolo per poterlo fare e lasciare parlare la scienza”.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti