⦿ Ultim'ora

Mosca: Zelensky ha implorato leader Csi di partecipare al summit in Svizzera, ma ha ricevuto un secco rifiuto 

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, e i suoi “amici occidentali” avrebbero chiamato e “implorato” personalmente i leader dei Paesi della Comunità degli stati indipendenti (Csi)  chiedendo di partecipare alla conferenza di pace in Svizzera e ricevendo un secco rifiuto

 

Lo ha detto il viceministro russo degli Esteri, Mikhail Galuzin, durante un’intervista rilasciata alla Tass. “È stata utilizzata l’artiglieria pesante – ha spiegato Galuzin – Zelensky e i suoi ‘amici’ occidentali hanno iniziato a chiamare e supplicare personalmente i leader degli stati della Csi perché partecipassero” al summit “Sappiamo che nessuno di loro ha ceduto a tale richiesta”. La Csi è un’organizzazione internazionale composta da nove delle quindici ex repubbliche sovietiche, cui si aggiunge il Turkmenistan come membro associato.

Il viceministro russo ha afermato che la conferenza svizzera è solo un “un tentativo di mettere insieme frettolosamente una coalizione anti-russa e presentare un ultimatum alla Russia, per creare l’apparenza di un sostegno globale all’impraticabile ‘formula Zelensky’. Tali ‘lotte intestine’ non contribuiscono a una soluzione politica. La loro attuazione è inutile e destinata a fallire a priori”.