Nanà in polemica con il M5S, Mangiacavallo: “Da noi vige la meritocrazia, non mi interessano le polemiche”


Una lettera aperta piuttosto inusuale quella che c’è giunta oggi dall’artista locale Nanà Gulino in polemica verso il Movimento 5 Stelle.

5stelle-palermo-manifestazione

Nanà, racconta, ha prodotto, in questo ultimo periodo, quattro nuovi brani, e tra questi un videoclip intitolato “Onestà”. Si tratta di canzoni con un chiaro messaggio politico che, come dice l’autore: “fanno emergere la insoddisfazione del cittadino comune di fronte ad una politica che continua a non dare risposte”. Tali brani sarebbero stati scelti per l’evento “Italia a 5 Stelle” che si terrà nei giorni 24-25 settembre a Palermo. “Per me è stato quindi motivo d’orgoglio potere essere inserito nel programma di una manifestazione che avrà notevole visibilità nazionale”, racconta l’artista locale.

“Vedevo questo evento come un’esperienza che mi avrebbe arricchito professionalmente e come uomo, un’occasione per la mia città e per i miei amici, che avrebbero avuto la possibilità di avvicinarsi al gruppo politico al quale mi sento vicino, in vista delle prossime elezioni comunali e regionali”. “Dopo aver concordato il tutto, passato qualche giorno, ricevo un messaggio dallo staff M5S nazionale, con il quale mi chiedevano se avevo pubblicizzato la mia esibizione a Palermo. Rispondo che non avevo scritto nulla del genere e che mi ero limitato solo a scrivere, nella chat interna del Movimento 5 Stelle di Sciacca, ringraziando in particolare un mio amico che da tempo fa parte del gruppo, e che si era prestato a fare arrivare il mio materiale agli addetti ai lavori, il quale avevo previsto un pass.

Ebbene, questo mio messaggio è stato contestato in quanto nessun artista deve essere citato prima che lo avesse ufficializzato il blog del Movimento. Mi sembrava un dettaglio insignificante, ma non era così. Da quel momento è cambiato tutto: – racconta Nanà – qualcuno appartenente al gruppo del M5S di Sciacca aveva riportato con relativa foto questo messaggio e si era adoperato per fare saltare tutto, per non fare più esibire Nanà sul palco di una manifestazione nazionale. Potrei subito postare tutto, ogni cosa che sto scrivendo è documentabile.

Ora dico a chi nel gruppo Cinque Stelle di Sciacca ha giocato sotto banco e si è scomodato per fare cancellare una bella opportunità: perchè tutto questo ? Perchè fare del male ad un artista che si sta impegnando nel sociale e che vuole dare una mano ad un Movimento che ha tra i propri principi quelli della meritocrazia, della lealtà, e della democrazia ?”

“All’interno del Movimento Cinque Stelle ci sono persone di grande rispetto e per questo ho sentito il dovere di scrivere questa lettera. Ma ce ne sono altre che non meritano di starci”.

Sul caso che inevitabilmente sta mettendo in imbarazzo il M5S saccense, tra l’altro senza un reale motivo politico, interviene doverosamente il Capogruppo all’ARS del 5Stelle, Matteo Mangiacavallo che ai nostri microfoni ha dichiarato: “Rispondo ma non replicherò ulteriormente anche perché non sono interessato alle polemiche”.

Sono dispiaciuto che Naná sia stato escluso dalla partecipazione ad Italia 5 Stelle anche se lo stesso, e quanti stanno sostenendo la sua iniziativa, dimostrano di avere poco a cuore le sorti del nostro movimento.

Giusto per chiarire, dallo staff del gruppo parlamentare all’ARS era partita una richiesta di chiarimento presso gli organizzatori della manifestazione su un pass per il backstage, notoriamente riservato ai soli addetti ai lavori, ottenuto in maniera non conforme alle regole. Gli organizzatori, per tale motivo, hanno deciso di escludere Naná dalla partecipazione ad Italia 5 Stelle.

Chi appartiene al movimento sa benissimo che si devono rispettare le regole, da noi vige la meritocrazia e nessuno può pensare di ottenere benefici personali attraverso il movimento. Non esistono doppi canali e ciò sia chiaro a tutti”.

Insomma, probabilmente solo una lamentela dettata da un momento di amarezza di un artista più abituato al carnevale saccense che alla politica regionale o nazionale, ma che in questo momento ha il sapore di un attacco politico a gettare discredito su una parte o anche solo su alcuni componenti dei 5Stelle di Sciacca.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.