Non 1 ma ben 2 gli alberi di natale che Rocco Forte ha regalato ad Agrigento, a Sciacca neanche una… Stella?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Festa ieri ad Agrigento: si sono accesi i DUE, alberi di Natale donati da Sir Rocco Forte alla città. Due dunque e non uno

Ieri avevamo scritto di un albero donato ad Agrigento e le polemiche tra i saccensi non sono mancate. A molti la “dimenticanza” di Sir Rocco della città termale non è piaciuta, qualcuno invece ha provato a giustificarlo, dicendo che in fondo da posti lavoro. Osservazione più che giusta, ma nella vita a volte ci vuole pure un po di “aplomb”, che forse in questa occasione è mancato.

Altri invece hanno voluto ricordare che la città di Sciacca lo ha onorato (lo speriamo) della cittadinanza onoraria, votata immediatamente appena proposta dalla giunta del Sindaco Di Paola, mentre l’amministrazione agrigentina, nonostante la proposta sia arrivata più volte in aula consiliare, non è mai riuscita a votarla.

Chiudiamo l’argomento ribadendo quanto scritto ieri: “una donazione è sempre un atto positivo ed ognuno è libero di farla come, quando e a chi crede”, ma a volte un po di “delicatezza” nelle azioni non guasta.

Dunque Sir Rocco Forte ha donato due “maestosi” – come definiti dalla stampa locale – alberi di natale, per la gioia degli agrigentini. Il primo tridimensionale, alto 20 metri, installato nella centralissima piazza Stazione, con la scritta 2020, al posto del puntale. Il secondo albero di forma conica, alto 15 metri e mezzo, è stato posizionato in piazza Giglia a San Leone, dove con le sue 80 mila luci colorate fa bella mostra di se e illumina il natale dei residenti.

Per la cronaca, i due alberi sono stati realizzati da una ditta di Gravina di Catania, la stessa che l’anno scorso ha allestito l’albero di piazza Stazione.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Sciacca. Samonà, teatro e teatrino. Presidente Musumeci: "Va aperto, possibile affidamento a privati" Successivo Sciacca, nuovo assessore. Lo Cicero prende deleghe di Segreto, Cusumano prende schiaffi da Catanzaro

Lascia un commento