Obbligo Vaccini per over 50: è Flop, solo 1 su 6 ha aderito

Dopo quindici giorni dall’introduzione della norma che prevede l’obbligo della vaccinazione per gli over 50, quelli che si sono recati in un hub per fare la prima dose sono stati solo 339 mila su 2.165.000: un flop

In poco più di due settimane solo in 339 mila over 50 hanno risposto all’obbligo vaccinale imposto dal decreto legge del 7 gennaio scorso ed entrato in vigore dal giorno successivo. Da lunedì a domenica scorsa, le vaccinazioni hanno superato quota 3,8 milioni., numeri apparentemente notevoli, se non fosse che le somministrazioni riguardano terze dosi, cioè coloro che già avevano accettato di vaccinarsi e che costituiscono l’82,28% delle somministrazioni totale, ma, l’obbiettivo della norma erano le prime dosi per gli over 50, che a giudicare da questi numeri, rimangono “irriducibili”.

Dunque nemmeno l’obbligo di Green pass rafforzato, che a partire dal 1° febbraio, imporrà forti restrizioni per poter accedere ai luoghi di lavoro ha convinto i novax duri e puri. Questi dati sono stati certificati dal report del commissario all’emergenza Figliuolo, che evidenzia come da quando è entrato in vigore l’obbligo, gli over 50 non vaccinati erano ben 2,165 milioni e al 23 gennaio sono scesi a 1,826 milioni. Di fatto solo il 15% del totale della platea, ovvero uno su sei, si è vaccinato.

In questi numeri ovviamente sono compresi quelli che sono gli esentati per motivi di salute, anche se il numero esatto non è noto, ma non sarebbero più di alcune migliaia, ma ciò che è chiaro, è che da quando è scattato l’obbligo, la corsa alla vaccinazione immaginata dal governo non c’è stata.

Dal 1° di febbraio scatterà una multa di 100 euro una tantum, che, visto anche la pochezza dell’entità, non sembra turbare più di tanto i destinatari. Inoltre scatterà anche la sospensione dal lavoro e la perdita dello stipendio, motivazione quest’ultima forte,ma solo per chi ha un impiego.

Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti