Ospedale. CGIL: “E’ ora di dire basta alla demagogia e all’ipocrisia”


Anche la Cgil di Sciacca interviene sulla vicenda ospedale.

franco-zammuto

“La Camera del Lavoro di Sciacca si è mostrata particolarmente moderata e sobria sul tema della sanità a Sciacca e nel territorio considerato che esiste un comitato cittadino capace e competente. Comitato del quale questa C.d.L. è parte. Tuttavia oggi questa C.d.L. si concede di entrare in argomento e mettere in chiaro pochi punti certi che, secondo Noi, devono essere la base essenziale per affrontare la questione e non scadere nella demagogia e nel gioco perverso della politica clientelare siciliana.

Non c’è dubbio – dice il segretario Franco Zammuto – che se volessimo tutelare come si deve questo territorio, invece di fare battaglie di retroguardia o elemosinare il mantenimento e il ripristino di quanto avevamo fino a qualche anno fa, dovremmo chiedere di avere un Ospedale di primo Livello per ragioni geografiche e di infrastrutture. Ma sappiamo che non è possibile per via della legge “Balduzzi” che detta regole molto precise e che già due volte ha sconfessato il progetto della Regione Sicilia che, incapace di rispettare regole e norme, è capace solo di strumentalizzare ogni cosa ai soli fini politico-elettorali.

Da quasi due anni perdiamo tempo ad inventarci soluzioni e a litigare per non prendere atto che la legge “balducci” o si combatte a Roma oppure rimangono poche alternative alla soluzione da trovare per fare sì che questo territorio possa avere un ospedale funzionante. Già tempo fa questa C.d.L., provocatoriamente disse che questo territorio può avere un solo ospedale, Sciacca o Ribera che sia, e noi continuiamo ad inventarci incontri e alchimie che mai e poi mai risolveranno il problema.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.