Palermo. Operatore sanitario vaccinato con doppia dose contagiato da covid gravissimo in terapia intensiva

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un operatore della Sanità siciliana di 43 anni, vaccinato con doppia dose è stato ricoverato per Covid all’Ismett: le sue condizioni sono gravissime


L’uomo nonostante vaccinato con doppia dose è risultato positivo al covid e a causa delle gravissime condizioni in cui versa è stato trasferito dalla Terapia intensiva dell’ospedale “Cervello” di Palermo, dove si trovava ricoverato, all’Ismett .

Il 43enne è stato sottoposto all’Ecmo, la macchina “salva-vita” considerata l’ultima spiaggia, che viene usata solo in determinate circostanze. Si tratta di un paziente con una situazione di salute che vede una patologia pregressa ma stabilizzata. Dunque, non un “fragilissimo”.

Il dottore Baldo Renda, primario della Terapia intensiva dell’ospedale “Cervello” di Palermo, commentando l’accaduto ha dichiarato che “Prima o poi ci dovremo vaccinare con la terza dose, dando la precedenza a chi è più a rischio, i fragili e a chi, come noi, è un operatore della Sanità. Sperando che sia un vaccino aggiornato contro le varianti, presenti o eventuali”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti