Partinico. Strage di cani in 7 avvelenati: 3 sono morti e 4 ricoverati, la proprietaria in lacrime su facebook

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

L’intolleranza e la cattiveria umana hanno fatto un’altra – l’ennesima – strage di cani: in sette sono stati avvelenati, solo quattro sono stati salvati

Immagine di repertorio

La strage è accaduta il 15 gennaio scorso in una zona periferica di Partinico in provincia di Palermo. I cani si trovavano nell’abitazione con giardino della signora Serafina Costa, nota volontaria animalista della città, che si occupa e prende cura a sua spese di molti randagi che sfama con amore e passione. Ma a qualcuno quell’amore è sembrato qualcos’altro e utilizzando il solito metodo ha avvelenato le povere bestiole.

La sig. Serafina ha postato un video commovente (mentre piange disperata) sulla sua pagina facebook, chiedendo aiuto di qualsiasi genere ed in molti hanno risposto. L’Enpa di Carini ha mandato i suoi volontari a dare aiuto a Serafina e ha fatto partire una gara di solidarietà su Facebook, con raccolta fondi, per fornire cucce da esterno per cani di taglia medio/grande, rete, paletti, ondulina per tettoia, telo verde, croccantini per il mantenimento di cani di taglia media, oltre a candeggina, detersivi e coperte.

Sulla pagina l’Empa scrive: “Oggi siamo stati a casa di Serafina Costa con altri volontari. Ieri sono morti avvelenati 3 cani ed altri 4 sono ricoverati in clinica.

Abbiamo censito tutti i cani presenti a casa e cercato di capire un po’ come poter aiutare lei ed i cani. Aggiorneremo man mano questa lista su cosa può servire (al momento non c’è una raccolta fondi aperta su Facebook)

– cucce da ESTERNO cani taglia medio/grande

– rete, paletti, ondulina per tettoia, telo verde

– croccantini mantenimento taglia media

– candeggina, detersivi, coperte.

Se qualcuno potesse aiutare in qualche modo ci scriva in privato in pagina, o per mail: Info [email protected] . Grazie a tutti”.

Su quanto accaduto è stata presentata una denuncia alla polizia municipale e ai carabinieri, che hanno aperto un’indagine per cercare di individuare i colpevoli del vile gesto.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Marocco. Oscar Turismo assegnati alla Valle dei Templi, a Izmir (Turchia), Isola di Korcula (Croazia) e Suzdal (Russia) Successivo La nave "Alex" resta sequestrata: TAR respinge ricorso e l'ong lancia raccolta firme per intervento politico

Lascia un commento