Personale IACP superpagato: Danno erariale da 1,5 milioni di euro


Si parla di una danno da 1milione e mezzo di euro all’ente che gestisce le case popolari, a scoprirlo le fiamme gialle di Caltanissetta; nel mirino: “indennità di posizione”, buoni pasto e anche aumenti salariali non dovuti

Ci sarebbe un danno da 1,5 milioni di euro, ad accertarlo sono stati i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria. Nel mirino delle indagini è finito l’ente IACP di Caltanissetta, che non avrebbe effettuato correttamente il trattamento economico dei dipendenti, con “disattenzioni” che hanno portato al grave danno economico per lo Stato. 

A disporre l’avvio delle indagini, la Corte dei Conti di Palermo,  che voleva vederci chiaro sulle uscite relative al pagamento dei dipendenti dell’Istituto Autonomo Case Popolari nisseno, con un margine temporale di 7 anni, precisamente dal 2011 al 2017.

Diverse “disattenzioni” che ripetendosi nel tempo hanno permesso a buona parte del personale, tra dirigenti e semplici dipendenti dello IACP di avere riconoscite in maniera del tutto non dovuta: indennità di posizione, buoni pasto e aumenti salariali a vario titolo. Cosa oltretutto assolutamente e notoriamente fuori legge, essendo stato imposto tra il 2011 ed il 2014 il blocco salariale per tutti i dipendenti pubblici. 

Adesso, con la pesante accusa di aver concorso – ognuno per il proprio periodo – a formare una danno erariale di 1,5 milioni di euro, sono stati segnalati alla Corte dei Conti di Palermo i Direttori dell’Istituto Autonomo Case Popolari di Caltanissetta che si sono succeduti dal 2011 al 2017, nonché i componenti del Nucleo di Valutazione che evidentemente non hanno eseguito il loro compito di supervisione contabile.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti