Ragusa. Si spacciava per maresciallo e truffava anziane donne: arrestato, aveva già “incassato” 25mila euro

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Squadra mobile della Questura di Ragusa ha arrestato un truffatore seriale napoletano che aveva come vittime anziane signore

L’autore delle truffe è il pluripregiudicato Pasquale Gente, di 58anni nato e residente a Napoli. I reati contestati sono di truffa e tentata truffa aggravati dall’averli commessi ai danni di donne anziane. Nello specifico gli vengono contestate quattro truffe per complessivi 25mila euro, ma la Polizia ritiene che siano molte di più ed invitano le vittime a presentare denunce.

Secondo quanto appurato dagli inquirenti, il 58enne telefonicamente si spacciava per avvocato o maresciallo, poi raccontava alle anziane che il loro nipote aveva causato un incidente stradale, ma era privo di copertura assicurativa e che per questo era in stato di fermo in caserma e non poteva avere contatti telefonici, quindi chiedeva 5 mila euro per risarcire la vittima del danno causato.

Il bottino di ogni truffa superava i 5.000 euro, con richieste fino a 30.000 e quando le vittime non avevano tutto il denaro, il truffatore si faceva consegnare oggetti in oro. Complessivamente in 4 occasioni, ha truffato anziani di Ragusa per oltre 25.000 euro.

Le indagini sono iniziate dopo diverse denunce di truffa consumate in provincia di Ragusa, tutte con lo stesso modus operandi. Gli agenti di Polizia, per arrivare al truffatore, oltre al riconoscimento fotografico da parte delle vittime, hanno raccolto numerosi altri indizi grazie a tecniche investigative sofisticate.

Il provvedimento di cattura è stato emesso dalla Procura della Repubblica di Ragusa a seguito dell’ordinanza del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale ibleo notificata ieri all’indagato al momento dell’arresto.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Sciacca. Da ieri l'ufficio del Giudice di Pace trasferito presso il Palazzo di Giustizia della Perriera Successivo Sciacca. L'opposizione con Deliberto tranne Curreri, chiede “Urgente convocazione Consiglio Comunale”