Rapporti tra Stato e Regione modificati: 3585 milioni in più dal 2016 al 2018 per le casse regionali


La Commissione Paritetica prevista dall’art. 43 dello Statuto, riunita a Palazzo D’Orleans, ha determinato le norme di attuazione che modificano i rapporti finanziari tra Stato e Regione siciliana.

regione-palazzo-dorleans

L’approvazione di tali norme costituisce uno degli impegni scaturenti dall’Accordo tra Stato e Regione del 20 maggio 2016. Nell’ambito di tale Accordo la Regione ha già iniziato ad onorare gli impegni di propria spettanza rinunziando ad alcuni contenziosi in materia di fronte alla Corte costituzionale, a fronte delle nuove risorse che deriveranno dalle norme di attuazione approvande.

Per effetto delle modifiche sopra citate si stimano 4.441 milioni di euro per il 2016, 5.341 milioni per il 2017 e 5.626 milioni per il 2018 a titolo di compartecipazione IRPEF. Rispetto alla situazione attuale, tali importi si traducono in risorse aggiuntive per il bilancio regionale di: 500 milioni di euro per il 2016 (già stanziate con l’art. 11 del decreto legge 113 del 2016 già convertito con legge 160 del 2016), 1.400 milioni di euro per il 2017, 1.685 milioni di euro a partire dal 2018.

Tali risorse consentono ora alla Regione siciliana di rispettare il principio del pareggio di bilancio nel rispetto del nuovo art. 81 della Costituzione e della legge 243 del 2012 e successive modifiche ed integrazioni.

Al di là dei positivi effetti finanziari, le norme si distinguono per introdurre espressamente il richiamo al gettito fiscale “maturato” nel territorio regionale e non meramente “riscosso”, facendo proprie per la prima volta le indicazioni contenute nella sentenza della Corte costituzionale n. 207 del 2014, nella quale la stessa Corte ha affermato che: “l’articolo 2 del D.P.R. 1074/65 va inteso nel senso che deve essere assicurato alla Regione il gettito derivante dalla capacità fiscale che si manifesta nel suo territorio, e cioè dai rapporti tributari che sono in esso radicati, in ragione della residenza fiscale del soggetto produttore del reddito colpito o della collocazione nell’ambito regionale del fatto cui si collega il sorgere dell’obbligazione tributaria. Ciò che rileva, quindi, è che venga assicurato che alla Regione giunga il gettito corrispondente alla sua capacità fiscale”.

Il testo determinato dalla Commissione Paritetica è stato trasmesso già ieri alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per la sottoposizione al Consiglio dei Ministri e la conseguente emanazione mediante apposito decreto legislativo, che si auspica venga pubblicato al più presto possibile per consentire all’Assemblea Regionale Siciliana la tempestiva approvazione del bilancio preventivo per il 2017 in situazione di pieno equilibrio.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.