Ribera. Stabilizzazione: i precari del Comune chiedono un Consiglio straordinario

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

I lavoratori a tempo determinato (contrattisti) del Comune di Ribera, dopo i consiglieri di opposizione, chiedono al Sindaco di indire un Consiglio straordinario per discutere i termini della stabilizzazione

Di seguito nota la stampa dei lavoratori.

I lavoratori a tempo determinato del Comune di Ribera (contrattisti), interessati al processo di stabilizzazione, facendo seguito alla nota stampa protocollata al N. 18724 del 31/10/2019 che qua si intende integralmente riportata, con la presente intendono manifestare un disagio che si avverte ormai da parecchio tempo. Si assiste ormai da alcuni mesi ad una forma di cannibalismo politico senza esclusione di colpi da parte di chi ha la rappresentanza istituzionale del Comune.

La cosa che fa male a noi lavoratori non è tanto il triste spettacolo cui si assiste sui media, è la lotta a “cercare” malamente il consenso o le “simpatie” di noi lavoratori. Sfugge ai più, che si gioca sulla pelle di onesti lavoratori che con dignità lavorano giornalmente tenendo in piedi uffici e svolgendo delle mansioni che spesso non sono nemmeno di competenza degli stessi.

Si è attivato in questo ultimo anno un processo di stabilizzazione da parte di tutti gli enti locali della Sicilia dei lavoratori che si trovano nelle medesime condizioni dei sottoscritti.

A tal proposito sono state presentate da parte di tutti i lavoratori a tempo determinato le domande volte ad ottenere la stabilizzazione a seguito di bando da parte del Comune di Ribera, tutta la documentazione è depositata, da tempo, presso gli uffici comunali competenti. Appare oltremodo “umiliante” assistere a queste “sceneggiate” che nulla hanno a che vedere con la realtà dei fatti.

Vi è una spesa storicizzata per la stabilizzazione dei lavoratori a tempo determinato fino al 2038, per cui nessun impedimento si profila sotto questo aspetto, se non un gioco delle parti che ha come oggetto la vita e la stabilità non solo economica di 91 persone che hanno da sempre lavorato onestamente con diligenza e con spirito collaborativo con il personale di ruolo, disagio che ovviamente si estende anche a tutte la famiglie.

Queste le considerazioni esposte sommariamente che portano necessariamente ad una forte azione nei confronti dell’Amministrazione Comunale. Facendo seguito alla citata lettera del 31/10/2019 si comunica che da martedì 5 Novembre 2019, i sottoscritti, in segno di protesta attueranno il c.d sciopero bianco. Si auspica che tutta la vicenda riguardante la stabilizzazione dei sottoscritti venga affrontata con maggiore responsabilità e con la solerzia che impone il ruolo ricoperto di rappresentanti la collettività e non solo come atto di partigianeria politica.

Si chiede quindi di indire un Consiglio straordinario avente ad oggetto tutti gli atti prodromici, attuali e consequenziali riguardanti la stabilizzazione. Si rimane in attesa di riscontro, certi di avere esposto in maniera chiara ed esplicita quelle che sono le esigenze e le azioni volte ad ottenere quanto legittimamente richiesto.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Sciacca. Ottimi risultati per la Discobolo di Vullo a Mazara per prima prova Gran Premio Giovanissimi Regionale Successivo Sciacca. Centrodestra al sindaco: “Inutile incontrarci, rimodulazione è suo termine, il nostro è azzeramento”

Lascia un commento