⦿ Ultim'ora

Roberta, professoressa di educazione fisica 57enne muore improvvisamente nella notte: la donna era una sportiva

Lutto nel mondo della scuola e dello sport per la morte improvvisa della professoressa di educazione fisica Roberta Evangelista, stroncata da un malore mentre dormiva

Il decesso è avvenuto nella notte tra mercoledì 29 e giovedì 30 nella sua abitazione a Camerano. La vittima è Roberta Evangelista, Originaria di Mestre di 57 anni, era professoressa di educazione fisica dell’istituto “Donatello” di Ancona. L’allarme è scattato intorno alle 8,30 quando il personale docente della scuola non l’ha vista arrivare, la prof. infatti era sempre puntualissima e responsabile e quell’assenza non trovava alcuna spiegazione, inoltre il fatto che non rispondesse al telefono, ha allarmato i colleghi e fatto temere solo il peggio. Sono stati quindi inviati nell’abitazione i vigili del fuoco, i carabinieri e le ambulanze del 118, che hanno suonato ripetutamente il campanello, ma la donna non rispondeva e quindi i vigili del fuoco hanno forzato la porta, facendo la tragica scoperta. Roberta Evangelista era ancora nel suo letto priva di vita, deceduta a causa un malore improvviso che l’ha colta probabilmente nel sonno.

La prof. Roberta Evangelista il 29 novembre era andata via dalla scuola dopo i colloqui con i genitori dei suoi amati studenti e pare che a chi l’ha incrociata avesse riferito di avere mal di testa. Ma nessuno avrebbe mai pensato alla tragedia che si sarebbe consumata da lì a poco.
Sgomenta l’intera comunità scolastica della Cittadella-Hack, compresi i ragazzi delle 9 classi in cui insegnava la docente: all’uscita di scuola gli studenti, ancora sotto choc, hanno firmato un cartellone condividendo il dolore ed i ricordi.

Tra i messaggi di cordoglio tra cui quello del presidente dell’Unione Rugbistica Anconitana Ernesto Cimino. Particolarmente toccante il messaggio del numero uno del Cus Ancona David Francescangeli: “Quanti progetti sportivi fatti insieme!!! Quante chiacchierate!!! Quell’abbraccio istintivo quando ci incontravamo, carico di stima reciproca!!! Proprio ieri ci siamo incrociati con lo sguardo ai colloqui a scuola ed eri Tu, come sempre!!! Un vuoto incolmabile per il mondo della scuola. La Prof. Più amata dagli studenti. La Prof. che ha saputo trasmettere la passione per lo sport a centinaia e centinaia di giovani. La Prof. dei miei figli, di Enrico e di Matteo. Una persona straordinaria, una insegnante portentosa, un orgoglio per il mondo docente. La foto meravigliosa che ho messo dice tutto di te…uno sguardo che conquista ed un sorriso che abbraccia. Roby cara…mancherai a tantissime persone ed in particolare alle tue ragazze ad ai tuoi ragazzi come amavi chiamarli. Sono certo che tra le stelle continuerai a portare avanti la tua passione per lo sport. Sei un esempio per tutti noi che viviamo la tua stessa passione. Grazie di tutto Roby e… butta l’occhio quaggiù ogni tanto, c’è bisogno del Tuo infinito entusiasmo!!! Ti voglio bene”.