Crea sito

Rosario Crocetta: “ho lavorato bene”… mi ricandido

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’annunciato è ufficiale, Rosario Crocetta ha intenzione di ricandidarsi alla presidenza della Regione Sicilia, per succedere a se stesso.

crocettaIl presidente della Regione è già in campagna elettorale ed ha iniziato il giro delle “sette chiese” in cerca di alleati. Si dice sicuro – lui ne è convinto, i siciliani un po meno – di avere lavorato bene e rilascia delle dichiarazione tra il tragico ed il comico: “Ci sarò anch’io in campo, i miei governi hanno messo dei paletti. Non mi sono candidato per mettere la cipria sul vecchio blocco di potere. Il fatto che si sia creata la rottura, e’ il segnale che abbiamo visto giusto. Poi, che qualcuno sia sensibile alle sirene del passato e’ comprensibile”. Crocetta, o ha perso il senso ed il contatto con la realtà, o è convinto che interessi trasversali possano ancora convergere verso la sua figura.

Ma in effetti sotto certi aspetti, il suo ragionamento non fa una grinza: “Sarebbe difficile criticare il governo dopo averlo sostenuto per cinque anni” ed ancora: “Il sistema politico dovrebbe ringraziarmi perché ho fatto da parafulmine lasciando che tutte le polemiche ricadessero su di me. Ma ora credo che un chiarimento sia necessario. Non sono più tollerabili inutili polemiche e ritardi sulle cose da fare”. Così inizia il suo “tour” in cerca di soci-sponsor, iniziando dal leader Udc Gianpiero D’Alia e dal segretario regionale del Pd Fausto Raciti.

Crocetta infatti, è stato visto in un locale al centro di Palermo, lo ‘Scialo’, dove ha preso un lungo aperitivo con il segretario del Pd regionale Fausto Raciti. Lo ‘Scialo’ è uno dei locali preferiti per incontri preparatori dal Pd siciliano e si trova – non casualmente – di fronte alla casa dell’assessore all’agricoltura Antonello Cracolici, l’unico ad avere ancora una corrente nel Pd siciliano che non si relazioni direttamente con Renzi e i renziani.
Poco più tardi il presidente è stato visto a cena con Fausto Raciti al ristorante ‘Le antiche mura’, dove ha incontrato Salvatore Cardinale ex ministro PD, oggi approdato in Sicilia Futura.

Da queste prime mosse, sembra ricompattarsi il fronte che portò Crocetta all’elezione nel 2012. I sondaggi oggi però, gli sono impietosi, ma lui è convinto di essere nel cuore dei siciliani e che il mago del consenso Beppe Lumia lo porterà ancora a sedere sulla poltrona di palazzo d’Orleans a cui sembra attaccato con un collante super resistente.

Nulla di nuovo, i politici in genere sono abituati a pensare che il popolo è “demente” e che interessi e campagne mediatiche possano stravolgere il pensiero dei cittadini. In passato è stato sempre così, ma questa volta, forse la musica potrebbe essere ben diversa.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •