Salemi(Tp). Hashish nel centro di accoglienza per migranti: arrestato ivoriano con permesso per motivi umanitari

  •  
  •  
  •  
  •  

Il pusher migrante è stato arrestato in un centro di accoglienza di Salemi, era sul suolo italiano dall’estate 2017 con un permesso per motivi umanitari

Salemi(Tp). Arrestato ivoriano per spaccio: trovato hashish nel centro di accoglienza per migranti

Salemi(Tp). Arrestato ivoriano per spaccio: trovato hashish nel centro di accoglienza per migranti

Gepostet von FattieAvvenimenti SciaccaeProvincia am Freitag, 11. Januar 2019

Ieri mattina, a seguito di una mirata operazione antidroga, la Sezione Narcotici della Squadra Mobile di Trapani ha effettuato una perquisizione presso il Centro Accoglienza per Stranieri “Mokarta” di Salemi, rinvenendo un cospicuo quantitativo di hashish nella disponibilità dell’ospite ivoriano Konate Tireme, di anni 19, il quale, per tale motivo, è stato tratto in arresto nella flagranza del rato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

La perquisizione è stato effettuata con l’ausilio dei cani poliziotti Ulla e Yndira ed ha consentito di rivenire un panetto di hashish da circa 100 grammi, 91 dosi preconfezionate della medesima sostanza, 5 di marijuana e  materiale per il confezionamento e la preparazione delle dosi.

Nella disponibilità dell’ivoriano è stata anche rinvenuta la somma complessiva di 2400 euro in banconote di piccolo taglio e una pistola a gas priva di tappo rosso, che è stata sequestrata insieme al denaro.

L’operazione è stata avviata poiché già alcuni giorni prima gli agenti di Polizia avevano notato un considerevole andirivieni di soggetti interessati all’acquisto di droga, nonché la presenza di numerosi sentinelle, dislocate nella zona circostante il CAS.

Konate, gravato da precedenti per interruzione di pubblico servizio e resistenza a pubblico ufficiale, si trova in Italia dal giugno del 2017, ed è titolare di permesso di soggiorno per motivi umanitari. Dal gennaio del 2018, è ospite del CAS Mokarta di Salemi, dove dimorano circa 90 stranieri, prevalentemente di origine subsariana.

Il KONATE è stato quindi associato presso la casa circondariale di Trapani, dove, in attesa dell’udienza di convalida, rimarrà a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Sciacca, gas metano. Amministrazione chiede estensione rete da Sant'Antonio a Fontana Calda e località San Marco Successivo Monreale, Comunali 2019. La Lega presenta il candidato sindaco Giuseppe Romanotto: "Un gesto d'amore verso la città"