⦿ Ultim'ora

Salgano a 5 i morti a Sebastopoli: detriti di 1 dei 5 missili lanciati da Kiev deviato da difesa Russia cadono sulla spiaggia

L’Ucraina ha lanciato poco dopo le 12 di oggi (ora locale) cinque missili di fabbricazione Usa Atacms presumibilmente sulla base aerea di Belbek vicino a Sebastopoli, 4 distrutti in volo, il quinto deviato

Lo ha reso noto il ministero della Difesa russo aggiungendo di aver abbattuto quattro di questi cinque missili Atacms, mentre il quinto, deviato dalla difesa missilistica russa, è esploso a mezz’aria sulla spiaggia di Uchkuyivka, vicina a Belbek, provocando cinque vittime fra i bagnanti. In un primo momento il governatore di Sebastopoli, Mikhail Razvozhaev aveva detto che tutti e cinque i missili ucraini erano stati abbattuti in corrispondenza della costa del Mar Nero.

Secondo fonti russe, i detriti del missile abbattuto sono caduti sulla spiaggia e cinque persone, fra cui tre bambini sono morti e 120 sono rimaste ferite, dei quali cinque bambini e sette adulti sono in condizioni critiche in un reparto di terapia intensiva. Frammenti dell’ordigno avrebbero poi provocato un incendio su edifici residenziali del nord di Sebastopoli e a una foresta accanto a un pensionato. Dall’Ucraina non è ancora al momento arrivato alcun commento.

Per il capo del Comitato per la sicurezza della Duma di Stato (la camera bassa del parlamento russo), Vasily Piskarev,  gli Stati Uniti “sono stati gli organizzatori dell’attacco terroristico a Sebastopoli e devono essere ritenuti responsabili”. Lo riporta Ria Novosti 

  Piskarev sul suo canale Telegram ha scritto: “E’ ovvio che il sangue dei civili di Sebastopoli non è solo nelle mani del nazista Zelensky, ma anche nelle mani di Biden e della sua amministrazione, che forniscono missili alle forze armate ucraine cliente di questo atto terroristico e deve assumersene la responsabilità”.